12 consigli “sinceri” per i papà durante e dopo la nascita

Una piccola guida composta da 12 consigli su come comportarsi durante la nascita e subito dopo

consigli per papàAnche i papà e non solo le mamme dovrebbero arrivare pronti al parto.

Agitarsi durante il travaglio infatti non è utile, ecco quindi una serie di suggerimenti su come comportarsi in sala parto e subito dopo la nascita.

12 consigli per i papà che assistono al parto

consigli per i papà

Una mamma, Emma Harris, ha condiviso sul suo profilo Facebook la foto del marito con una lista di utili suggerimenti per tutti i papà:

1- innanzitutto e in primo luogo: state calmi, quando inizia il travaglio non c’è modo di tornare indietro, vedrete la vostra signora fare qualcosa che non riuscirete mai a dimenticare, quindi allacciate le cinture ragazzi. Il panico non è il benvenuto.

2- l’umorismo è benvenuto: fatela ridere. Potrebbe minacciarvi di uccidervi con una pietra, ma in realtà si sta facendo la pipì nei calzoni e apprezzando il fatto che voi siate divertenti. Riderà ripensando a quanto accaduto. Nessuno vuole un padre di pietra seduto accanto al letto mentre partorisce un essere umano. Siate divertenti, fatele fare grandi risate, potrebbe non accadere più.

3- gas e aria: sì, ascoltate è per noi. E per Dio ne abbiamo bisogno. Quindi tieniti a freno signore, dovrai fare il tuo brusio altrove.

4- no, non avrete tempo per fare un salto fuori per una fumata veloce nel bel mezzo delle spinte

5- scattate le foto. Mamma e bimbo dormono? Girate e scattate.

6- dimenticate immediatamente, lo sapete, la cacca durante il travaglio. In effetti non ricordatela mai. Sappiamo che è accaduta, tutti lo sanno. Quindi smettetela di usarla come prova di amore “ti ho visto fare la cacca su un tavolo e sono ancora qui“. Rimuovetelo dalla mente, subito.

7- Non chiedete se è possibile avere un po’ di latte a noi. Non è davvero divertente come pensate.

8- portate cibo: portatelo. Giorno e notte. Non osate lasciare l’ospedale e tornare a mani vuote. Sì, certo, ci sono alcuni rumorosi ficcanaso che chiamano ogni due ore, facendo domande inappropriate e sparando cibo da ospedale sulla tavola alla fine di un letto che non riusciamo nemmeno a raggiungere, ma anche se potessimo sono sicura di non essere la sola a non essere in vena di una torta di pesce a mezzogiorno.

9- quando vi manda a prendere i vestiti da indossare in casa, siate realistici: tornare indietro con dei jeans skinny e un top raccolto non è la migliore delle idee. Non provate nemmeno a portare un tanga. Strofinereste un arco di violino su una ferita da arma da fuoco? NO. In effetti sono sicura che un debole allarme si accenda nella stanza di sicurezza quando un tanga entra nella maternità, giusto per rendere tutti sicuri che c‘è un maniaco presente. Siate realistici. Questa percezione delle donne che galleggiano fuori della maternità con capelli ricci e una abbronzatura dorata, accompagnate da un abito floreale di Laura Ashley e sandali romani è una cavolata amico.
Qui stiamo parlando di leggings, stiamo parlando di pantaloni della tuta, leggins, t shirt, canotte, buste … BORSE! Mio Dio, noi potremmo anche allungarci per dei jeggings (leggins molto stretti) se siamo eroine. Ma COMODO è la parola chiave qui.
Cristo, quando ho lasciato la maternità ho indossato un cappotto lungo per nascondere il fatto che non sono riuscita a tirare i miei pantaloni fino oltre il culo e ho avuto quello che può essere paragonata solo a un materasso in memory foam nei miei pantaloni.
Quindi, davvero non mi ha dato fastidio di apparire come Marsha Brady. Stavo solo concentrandomi sul salire in macchina senza il mio sedere di fuori. Questo è stato l’obiettivo per me.

10- farete meglio a complimentarvi per quelle borse. SAPPIAMO che siamo vestite come se dovessimo dipingere i soffitti dei nostri salotti, ma in ogni caso, se voi poteste apprezzarli sarebbe grande grazie. Un semplice “cavolo ragazza, stai benissimo con quella maglietta della Fruit of the loom”. Questo sarebbe sufficiente.

11- Non e ripeto non continuate a dire quanto voi siate stanco.  Non siete voi l’eroe qui. Se non c’è un premio da darci, e di sicuro non c’è perché l’inferno non è un trofeo per essere tagliate e di sicuro non c’è per le vostre 22 ore di attesa. Siate grati di tornare a casa coi vostri genitali ancora intatti.

12- divertitevi: godetevi il bambino e la madre di vostro figlio. Non riavrete più queste poche settimane. Potrebbe non ammetterlo, ma la vostra donna potrebbe essere nel momento più vulnerabile. Forse il momento più vulnerabile in cui sarà mai. Quindi siate lì per lei e lei sarà lì per voi.

Unimamme voi cosa ne pensate? Ne aggiungereste altri?

Noi vi lasciamo con 10 consigli per i papà su cosa fare e non fare in sala parto.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta