7 consigli degli esperti per togliere il biberon a vostro figlio

Sette utilissimi consigli per aiutare i nostri bambini a lasciare il biberon,

bimbo-biberon

Unimamme, se state cercando di svezzare il vostro piccolo dal biberon, gli accorgimenti che vi stiamo per suggerire, potrebbero tornarvi molto utili.

Come togliere il biberon ai bambini: suggerimenti

Innanzitutto dovete capire che se i vostri bambini hanno l’abitudine di andarsene in giro con la bottiglia come se si trattasse della coperta di Linus potreste fare un po’ fatica a togliergliela. Servono dunque “trucchetti” e incentivi. Eccone qualcuno proposto da The Stirr:

  • riservate il biberon solo per la cena: evitate che la bottiglia diventi un oggetto di transizione, come suggerisce anche la pediatra Sara Connolly la bottiglia dovrebbe essere usata solo per i pasti e non essere portata in giro come un pupazzo. Se il bimbo vede il biberon come un oggetto funzionale sarà più facile svezzarlo. Ricordatevi inoltre di non mettere mai a letto un bimbo col biberon, crea una brutta abitudine e gli fa male ai denti
  • cominciate presto: già a 4 mesi il bebè può accettare oggetti diversi in bocca. Di questo è convinta Dr Cheryl Wu, noto pediatra newyorkese che raccomanda di cominciare con le tazze proprio in quel momento. La pediatra raccomanda di cominciare con una tazza con i due lati sul manico, con un beccuccio morbido e un flusso lento. Dai 6 mesi di età poi, quando sarà migliorata la coordinazione del piccolo si potrà passare a nuovi modelli.
  • introducete la tazza come un giocattolo: come suggerisce l’insegnante certificata Jill Vetstein, al momento del pranzo o della cena siamo tutti un po’ agitati ed è improbabile, ancora di più, che un bimbo agitato accetti i cambiamenti. Introducete quindi la tazza in un momento tranquillo. Iniziate a farglielo conoscere giocandoci. Una volta che il piccolo lo percepisce come un gioco riempitelo con del liquido come il latte. probabilmente, giocandoci, il vostro piccolo l’avrà già messa in bocca e, assaporando il liquido magari sarà un po’ sorpreso, ma non farà i capricci. Piano piano quindi potrete introdurre il tempo di alimentazione
  • Facilitatelo: una volta che il bambino si trova bene con la tazza, riempitela con il latte artificiale o quello del seno. Per esempio se sono abituati ad assumerne un certo quantitativo prima di un sonnellino versateglielo nella tazza. Continuate così finché tutte le bottiglie non sono rimpiazzate dalla tazza. A un anno sarà il momento del passaggio definitivo.
  • Esperimento coi liquidi: alcuni bimbi saranno restii a bere il latte dalla tazza, quindi inizialmente potreste provare con l’acqua. Oppure potreste usare questo trucchetto: offrite al bimbo una bottiglia fatta metà da acqua e metà da latte e, accanto, una tazza di latte non diluito. Assicuratevi di far provare al vostro bimbo la tazza prima e dopo la bottiglia. Via via poi aggiungete sempre più acqua alla bottiglia e vedrete che presto il bimbo la abbandonerà per la tazza.
  • Trovate oggetti di conforto alternativi alla bottiglia: se il vostro bambino ha già un anno potrebbe avere difficoltà a staccarsi dal biberon. Questo perché esso è diventato una fonte di sicurezza, di conforto, quindi i genitori devono trovargliene un’altra. Provate magari con un animaletto di pezza mentre gli date il biberon e cullate il vostro bimbo.
  • celebrate il raggiungimento di questa pietra miliare con una bella ricompensa: per i bambini da 2 o 3 anni che possono comprendere azioni e conseguenze può essere opportuno un sistema di ricompense. Un’idea può essere un adesivo per ogni giorno in cui il piccolo non ha bisogno del biberon per andare a letto o una ricompensa se il bimbo non lo usa per tutto i giorno.

 

E voi unimamme avete avuto fatica a staccare i vostri piccoli dal biberon?
Raccontateci la vostra esperienza.

Noi vi lasciamo con 9 consigli per rendere l’allattamento col biberon più veloce e sicuro.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta