8 sintomi per capire se una neomamma è davvero esausta!

Essere una neomamma è meraviglioso, ma non si può dire che sia “esente da difficoltà”. In quali di queste 8 situazioni vi riconoscete?

177292304

Essere mamme, soprattutto per la prima volta, è come iniziare una nuova vita. Se hai da poco avuto un bambino può capitare,(anzi ti capiterà di certo!), di sentirti stanca, spossata. Dalle notti insonne, all’allattamento, ai ritmi completamente nuovi.

Cosi’ dopo aver espresso in lungo e in largo quanto sei felice, quanto non ti importi di dormire poco, e quanto sei grata per aver essere stata protagonista del miracolo della vita, potresti crollare sul divano in preda alla voglia di urlare e renderti conto che è tutto straordinario ma tu “sei definitivamente esaurita!!! ”

Dopo aver letto le 9 cose che “non si dicono mai sulla gravidanza,  sei pronta a capire se sei anche tu una neomamma prossima al KO?

Sei “definitivamente” esausta se…

1. … ti capita di ascoltare da tuo figlio di appena tre anni cose del tipo: “Papà ha gli occhi verdi, io ho gli occhi marroni, il peluches ha gli occhi azzurri. Tu gli occhi rossi.”

2. … crolli in preda ad una crisi di pianto quando scopri che “ci può essere” un legame tra il tuo bambino che allatti al seno e non vuole dormire e quelle due tazze di caffé che ti hanno permesso di stare in piedi tutto il giorno!

3. … quella tua “amica senza figli” ti racconta che ha fatto tardi le tre passate notti e sta andando a letto perchè ha assolutamente bisogno delle sue 8 ore di sonno per riprendersi… e tu nella tua mente furiosa le auguri segretamente e in modo meschino che anche il suo primo figlio abbia le coliche.

4. … mentre sei al supermercato incontri una “collega” mamma con un figlio della stessa età del tuo. Lei sembra fresca come una rosa, indossa pantaloni da yoga e prima che tu abbia finito di ricordare se uscendo da casa ti sei lavata i denti, lei ti dice gratuitamente che le cose vanno alla grande, il bambino dorme tutta la notte, e la maternita’ “è più semplice di come dicono” . Tu sorridi, sperando che non si noti il fatto che non ti lavi i denti da due giorni, pensi a tutte le versioni di “vaffa…” che hai appreso nella vita e sempre nel silenzio della tua mente hai già visualizzato la crema di formaggio che hai appena messo nel carrello spiaccicata sul suo “bel” visino rilassato.

5. … senti tuo marito parlare al telefono dire “Oh no, la notte non è poi così male.” Ti chiedi per quale motivo tu non hai dormito nel suo stesso pianeta e per quale diavolo di motivo il tuo occhio sinistro ancora non si apre!

6. … fare l’amore con il tuo partner si è trasformato per te in un gioco di società con un preciso regolamento! Mentre siete a letto presi dalla passione “lui, il bambino” piange, è il via, scatta il gioco. Fate entrambi finta di dormire, ma “lui” continua a piangere, così tutti e due resistete fino a quando uno dei due non resiste più, si alza e culla “lo” culla per farlo riaddormentare. Il fuoco pian piano è carbone quello che si vince per chi, è rimasto a letto, è una porzione di sonno. Peccato che tu perdi quasi sempre.

7. … il bambino si risveglia ogni volta che lo metti giù, quindi per forza maggiori lo tieni vicino a te. Quando finalmente “lui” dorme e riesci a metterlo nella sua culla, sogni solamente un bagno rilassante e 15 minuti di un libro. Tuo marito però ti guarda languidamente. Fai finta di niente, puntando sul fatto che ti funziona solo un occhio, l’altro non si apre!

8. … dopo che “lo” hai allattato, cambiato, cullato, coccolato NON DORME! Stai avendo una di quelle notti in cui non riesci a capire perché il neonato non smette di piangere. Lo hai nutrito, rimbalzato, cullato, cambiato, coccolato e ancora non dorme. Dopo ore ed ore di piena notte urlando tuo marito dice, “Dagli la tetta!”. Tu inizi a piangere al solo pensiero, di capezzoli doloranti per l’ennesima poppata non necessaria, e rispondi ulando “Dagli la tua!”.

Unimamme, altri due punti e possiamo fare di questo elenco un vero e proprio decalogo. Voi cosa aggiungereste?

(Fonte: Scarymommy)

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta