Asma nei bambini: 1 su 2 usa l’inalatore senza averne realmente bisogno

Secondo una ricerca olandese troppo spesso viene diagnosticata l’asma nei bambini. Per dichiararli asmatici è necessario sottoporli a test di funzionalità polmonare più approfonditi

Molti bambini soffrono di asma, spesso di origine allergica, e tante volte si ricorre a farmaci anti-ama senza averne realmente necessità. L’inquinamento presente nelle nostre città favorisce l’insorgere di asma soprattutto nei più piccoli e alcune ricerche recenti hanno, addirittura, dimostrato che la presenza di alberi in città riduce l’impatto di malattie legate a problemi respiratori. Quello che, di recente, è stato scoperto da alcuni ricercatori olandesi ha poi, addirittura, dell’assurdo. Secondo gli studiosi, infatti, 1 bambino su 2 è sottoposto a una terapia anti-asma del tutto inutile. Vediamo cosa sostengono i ricercatori.

asmaAsma nei bambini, spesso le terapie sono del tutto inutili

Come dichiarano i ricercatori “L’asma è una delle malattie croniche più comuni durante l’infanzia. Secondo le linee guida, una diagnosi di asma deve essere confermata utilizzando la funzione polmonare sottoponendo a test i bambini di età superiore ai 6 anni. Eventuali studi precedenti a tale età indicano che l’asma nei bambini è probabilmente sovradiagnosticata”.

I ricercatori olandesi hanno condotto i loro studi analizzando le cartelle cliniche di oltre 650 pazienti, con età compresa tra i 6 e i 18, anni ai quali era stata diagnosticata l’asma. Molti di questi ragazzi, però, non sono stati neanche sottoposti a test più approfonditi per averne la certezza, solo il 16% di loro è stato sottoposto, infatti, a spirometria, l’esame più preciso per definire un eventuale problema respiratorio.

Per un altro 23% sarebbe stata necessaria un’indagine più approfondita e per ben il 53% si tratta di una sovradiagnosi. Ebbene però, tutti i ragazzi considerati soggetti asmatici hanno utilizzato un inalatore (quello proprio per curare l’asma) per un anno intero senza che, quindi, ne fosse realmente necessario.

Ne deriva, dunque, che la sovradiagnosi di asma infantile è comune nelle cure primarie, ma ciò porta a trattamenti non necessari nonché una diversa qualità di vita. Solo in una piccola percentuale di bambini, quindi, la diagnosi di asma è stata confermata mediante test di funzionalità polmonare.

Chi lo avrebbe mai detto? I vostri bimbi, care unimamme, sono asmatici? Avete condotto tutte le indagini necessarie? Che tipo di terpia adottano?

Firma: Francesca Nicoletti

Notizie Correlate

Commenta