“Baby Illusion”: i figli più piccoli rimarranno sempre “cuccioli”

Una ricerca australiana dimostra come i genitori percepiscono sempre l’ultimogenito come il cucciolo di famiglia, anche quando non lo è più da un pezzo.

Madri che avete due o tre figli, vi è mai capitato di presentare il vostro ultimogenito come il piccolino di casa nonostante fosse ormai diventato una specie di gigante?

Una ricerca condotta dalla Swinburne University of Tecnology testimonia che non si tratta solo di una mera abitudine, ma risponde a un fenomeno chiamato Baby illusion.

In pratica i genitori vedono il figlio minore costantemente come il cucciolo della famiglia, percependolo anche in altezza più piccolo degli altri. Quando nasce un altro figlio questo incantesimo magicamente si spezza.

Ecco come si è svolta la ricerca:

Ecco cosa si è scoperto:

  • l‘ultimogenito veniva percepito di ben 7,5 centimetri più basso della realtà
  • l’altezza dei figli maggiori invece era accurata.

Il dottor Jordy Kaufman che ha coordinato la ricerca insieme a Judy Russell e Joanne Tarasuik ha riferito che molte madri vedevano il più piccolo addirittura 10 centimetri più basso della realtà.

Portare all’estremo l’idea che il figlio minore sia sempre piccolo” precisa il dottor Kaufman “aiuta i genitori a dare grande attenzione al bimbo, indipendentemente dalla sua età anagrafica“.

Lo studio evidenzia anche come i genitori alla nascita di un secondo bambino vedano il maggiore in crescita esplosiva, sempre perché affetti dalla Baby Illusion.

La ricerca inoltre sottolinea come:

  • le percezioni possano risultare fortemente ingannevoli
  • i marchi rimangano fondamentalmente inesorabili.

In questo caso si potrebbe cercare di migliorare la situazione trattando il più piccolo come una persona adulta, quando raggiungerà l’età consona.

E voi mamme e papà, siete consapevoli di essere sotto lo stesso “incantesimo“? Trattate anche voi l’ultimo nato come l’eterno cucciolo della nidiata?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta