Bimba di 15 mesi legata a una roccia per 9 ore al giorno – FOTO

Una bambina indiana viene lasciata tutto il giorno legata a una roccia perché i genitori sono molto poveri e non hanno alternative

Fonte: Reuters

Fonte: Reuters

In alcuni Paesi del mondo ci sono bambini che vivono in condizioni che noi mai immagineremmo possibili.

L’India è sicuramente uno di questi.

Bambina legata a una corda di 1,5 metri per 9 ore al giorno

La piccola Shivani è una bambina indiana di soli 15 mesi che trascorre 9 ore al giorno legata a una roccia tramite una cordicella, completamente sola e abbandonata.

La mamma e il papà di Shivani non possono occuparsi di lei perché lavorano per 3,8 dollari al giorno scavando buchi per i cavi elettrici a Ahmedabad.

fonte: Reuters

fonte: Reuters

Così i due lasciano la figlia legata a una corda lunga 1,4 metri a 40° gradi sotto il sole.

“La lego così non va in strada. Il mio figlio più piccolo ha solo 3 anni e non può occuparsi di lei” dichiara la mamma della piccola “Questo luogo è molto trafficato, lo faccio per la sua sicurezza“.

fonte: Reuters

In India ci sono 40 mila persone che lavorano nel campo edile, e 1 su 5 è una donna. La maggior parte migra di turno in turno nei vari siti costruendo infrastrutture.

Purtroppo la storia di Shivani non è l’unica, vedere bambini che giocano da soli nella sabbia o nel fango mentre i genitori lavorano è uno spettacolo molto comune in India.

fonte: Reuters

Prabhat Jha, a capo della protezione bambini di Save the Children in India specifica che gli asili nidi sono rari e costosi.

Dovrebbero essercene, organizzati dal governo e dalle aziende di costruzione stesse, dovrebbe esserci un luogo sicuro per questi bambini che sono a rischio”.

fonte: Reuters

Le aziende indiane solitamente subappaltano assumendo lavoratori a poco prezzo. Vengono ingaggiate bande di lavoratori, spesso dallo stesso villaggio per costruire, scavare o martellare con scarsi controlli e misure protettive.

Solitamente i bambini rimangono con i genitori fino a quando non compiono 7 o 8 anni, poi vengono inviati a vivere con i nonni in poveri villaggi tribali.

fonte: Reuters

Kalara, mamma della piccola, sostiene che ai suoi capi non importi della situazione di sua figlia.

“A loro non importa di noi o dei nostri bambini, l’unica cosa che gli importa è il lavoro”.

fonte: Reuters

Quando uno dei fotografi della Reuters è ritornato sul luogo per scattare altre foto un gruppo di lavoratori gli ha lanciato delle pietre addosso.

fonte: Reuters

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa storia di miseria e povertà che si riflettono su una bambina così piccola?

Noi vi lasciamo con la storia di una bambina di 5 anni che aiuta il padre non vedente a lavorare.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta