Bambino malato si sporca a scuola, ma la bidella fa pulire il fratello maggiore

La scuola teatro di un fatto incredibile.

scandalo a scuolaDopo la vicenda del bambino disabile lasciato da solo in uno stanzino, ecco che le istituzioni scolastiche tornano sotto i riflettori con il caso di un bambino di 10 anni costretto a pulire il fratellino e il bagno della scuola.

Il fatto è accaduto martedì in una scuola di Padova frequentata da entrambi i bambini, uno in quinta e l’altro in seconda. Il piccolo, affetto forse da un virus intestinale, ha chiesto all’insegnante di poter andare in bagno ma non è arrivato in tempo a destinazione facendosela, letteralmente, addosso.

Scandalo a scuola: un bambino costretto a pulire il fratellino

A questo punto la bidella che era di turno e che avrebbe dovuto occuparsi di pulire, ha deciso di chiamare il fratello maggiore del bimbo chiedendogli esplicitamente di pulire il bimbo e poi di spazzare anche il pavimento che si era sporcato.

Il bambino ha pulito e cambiato il fratellino e poi ha disinfettato il pavimento.

La storia però non è finita qui perché la mamma dei due bimbi ha scoperto cos’era accaduto e, naturalmente, si è arrabbiata moltissimo.

“Stare poco bene può succedere, soprattutto in inverno con i mali di stagione ma i bidelli sono deputati, e pagati, per aiutare i bimbi in difficoltà. Io sono molto delusa dell’accaduto, che reputo gravissimo. Quando me l’hanno raccontato sono andata in escandescenze. Mio figlio, a scuola, non ha il compito di accudire suo fratello più piccolo” ha dichiarato Alessandra Bartoletto, mamma dei bimbi.

Il provveditore però, dopo aver ascoltato le differenti versioni dei fatti ha deciso di assolvere la bidella.

Secondo la Preside della scuola Muratori dove si è svolta la vicenda il fratello maggiore sarebbe intervenuto di sua spontanea volontà. La madre però non crede a questa versione e ha deciso di fare causa.

Unimamme e voi cosa fareste se al posto di questi bambini ci fossero i vostri figli?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta