Una mamma contro il bullismo “rispettate tutti, non sapete cosa hanno passato”

La mamma di un bimbo vittima di bullismo scrive un appassionante messaggio su Facebook.

bullismoSempre più spesso si sente parla di bullismo tra bambini e ragazzi, i genitori spesso non sanno come reagire, ma la mamma di un bimbo americano ha deciso di fare qualcosa di più e ha scritto un coraggioso messaggio che è stato condiviso centinaia di volte su Facebook.

MaryAnn Parisi, la mamma di Michael è rimasta colpita dal modo in cui il figlio viene trattato a scuola da un gruppo di coetanei. Per questo motivo ha scritto un messaggio che spera arrivi ai genitori dei bambini coinvolti e che hanno preso di mira suo figlio.

“Questo potrebbe essere prolisso. Mi scuso per questo. Tutti abbiamo dei bambini nelle nostre vite, in un modo o nell’altro, sfido a mostrare o a insegnare ai vostri bambini (o ai bambini nelle vostre vite) la storia di mio figlio. Forse conoscere il contesto è la differenza. Persino i bambini migliori hanno momenti di insicurezza e debolezza. Insegnare e mostrare a loro perché lui (o chiunque altro) è diverso potrebbe essere il modo migliore. A volte conoscere è imparare e crescere. Qualche volta tutti noi abbiamo bisogno di qualcosa che ce lo ricordi, perché tutti possiamo avere i nostri momenti.

Michael è nato a 26 settimane.  Prematuro di poco più di 3 mesi. Non sono la sua mamma biologica. Ma in ogni altro modo sono la sua mamma. Ha trascorso i primi 3 mesi della sua vita lottando per sopravvivere. Shunt, trasfusioni di sangue, ecc…

Sua mamma lo ha abbandonato 3 mesi dopo. Aveva dei ritardi crescita e numerosi altri problemi di salute da superare per diventare il bambino forte e in salute che è. Ha iniziato a parlare a 3 anni.

Anche il camminare è stato ritardato. Non ha messo i denti fino al primo anno di età. Era davvero indietro. Ma amava. Oh come amava. Fino ad oggi il suo sorriso è la cosa più bella.

Non c’è una persona a cui non piaccia o che non lo ami, inclusi quelli che lo tormentano oggi. Lui perdona e, onestamente, dimentica. Non c’è niente che giudichi nel suo corpo. Io lotto per essere come lui ogni giorno e fallisco. Oggi lo avete chiamato Bace face (Personaggio di un cartone animato), prima lo prendevate in giro per il suo modo di mangiare. O per quanto sia pessima la sua coordinazione mano/occhi. Quei tutori sono uno dei molti passi che deve affrontare per allineare la sua mandibola inferiore che non si è del tutto sviluppata. Così non  masticherà più il cibo in modo strano.

E voi non lo prenderete più in giro. Prendendo a calci la sua sedia, chiamandolo stupido, brace face, castoro. Dirgli di sedersi e stare zitto non è il modo giusto.Non deve piacervi, ma dovete rispettarlo. Lui è un combattente, questa è una piccola porzione della sua storia. Condividetela, insegnatela , crescete. Ma ancora più importante, rispettate le persone che avete intorno, non sapete cosa hanno  passato”.

Unimamme i vostri figli sono mai stati vittime di episodi di bullismo o hanno assistito a casi del genere?

Noi vi lasciamo con qualche consiglio su cosa fare e cosa non fare.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta