Campagna “Ban Bossy”. Io non sono una prepotente. Io sono una Leader! (video)

Ecco la campagna di sensibilizzazione che sta spopolando sui social network per “rafforzare” l’autostima delle ragazze, che devono far sentire la loro voce!

bambina con microfono

Molte le donne che hanno preso alla campagna di sensibilizzazione che si sta diffondendo in tutti i social network, definita “Ban Bossy

”, ovvero bandiamo la prepotenza dalla lingua inglese, che ha come obiettivo la parità dei termini utilizzati per definire un medesimo comportamento.

Troppe le volte infatti in cui se un bambino tende ad emergere dal gruppo viene definito “leader” se, invece, la stessa cosa la fa una bambina viene definita “prepotente” (“bossy”).

Tra le numerose adesioni molti i personaggi famosi, tra i quali spiccano

  • Beyonce, famosa cantante, attrice e modella statunitense
  • Condoleezza Rice, segretario degli Stati Uniti nella amministrazione di George W. Bush,
  • Jane Lynch, attrice statunitense.

Questa ammirevole iniziativa è stata patrocinata dal direttore operativo di Facebook il quale spiega che il termine “bossy”, spesso viene utilizzato con un’accezione negativa ad indicare una prepotenza, un aspetto sociale per niente lusinghiero che, molte volte, scoraggia, fin da piccole, le ragazze ad intraprendere dei ruoli da leader, da capo.

E allora, care unimamme, uniamoci a queste donne e sosteniamo la loro campagna di sensibilizzazione per scoraggiare l’utilizzo di questo termine, mi verrebbe quasi da incitare le donne con due frasi in rima

Noi donne non siamo prepotenti,
siamo gli esseri più intelligenti

e se il termine “bossy” ci vuole denigrare
in tutti i modi lo dobbiamo cancellare…

Ecco, intanto, il video in cui le donne sostengono “I’m Not Bossy. I’m the Boss.”, ovvero “Io non sono prepotente. Io sono un leader.”.

Firma: Francesca Nicoletti

Notizie Correlate

Commenta