Co-Sleeping: 5 domande che vi faranno dormire tranquilli

Il co-sleeping ormai è una pratica consolidata: ecco perché molti genitori sono stufi di sentirsi fare sempre le stesse domande!

Rischi di dormire con i bambini

Molte ricerche hanno dimostrato che il co-sleeping, ovvero dormire nel lettone con il bambino, fa bene perché innanzitutto permette al bimbo di dormire tranquillamente .

Altri però sostengono che condividere il letto con il proprio figlio non sia una buona abitudine, perché sostengono che così:

  • lo si vizia e non vorrà più dormire da solo
  • l’intimità di coppia ne risente 

In molti invece scelgono di trascorrere la notte assieme al proprio pargolo, anche solo per sopravvivenza.

Ancora oggi quando Vittoria non sta bene, la mettiamo nel letto assieme a noi così dobbiamo evitare di alzarci cento volte: incredibilmente si tranquillizza e diciamo che il resto della notte trascorre meno movimentata.

Ecco allora che su Romper si è voluto rispondere una volta per tutte alle domande che si sente continuamente fare chi invece ha deciso di praticare il co-sleeping in maniera continuativa.

Co-Sleeping: basta alle seguenti domande 

  • Non hai paura che soffochi?: alcune ricerche sostengono che sia pericoloso dormire con il bambino nel letto perché magari un movimento brusco oppure il cuscino possono soffocarlo. In realtà se si ha un bambino nel letto, e non ad esempio sul divano, le mamme percepiscono la sua presenza.
  • Non hai paura di reprimere le sue emozioni?: quando i bambini sono molto piccoli sinceramente provano delle sensazioni riguardanti funzioni elementari, come mangiare, dormire e fare pipì e cacca. Per parlare di emozioni ci vorrà tempo e anche per allora quando avranno degli incubi state sicuri che il luogo più tranquillo in cui rifugiarsi sarà il letto di mamma e papà.
  • Come fate con il sesso?: avere l’intimità non è semplice, ma se uno è colto dalla passione si possono trovare anche altri posti oltre al letto. Però logisticamente parlando i tempi sono così stravolti che quando ci si ritrova la sera, molto spesso l’unico desiderio che si ha è dormire (questo però non significa trascurare il proprio partner, eh)
  • Non hai paura di creare un mostro?: ma di quale mostruosità stiamo parlando? I bambini che dormono nel letto sono bambini normalissimi, non una strana specie da studiare, chiariamoci.
  • Hai mai pensato di far diventare tuo figlio dipendente da te?: in realtà se ci pensate bene i neonati sono dipendenti da tutto per i genitori, dalla pappa al sonno, al vestirsi, al cambiare il pannolino. Sinceramente il co-sleeping non è che una delle tappe che si attraversano. Insomma, il rischio di trovarsi degli adolescenti che dormono ancora con mamma e papà è scongiurato.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta