Cos’è il Coito Interrotto? Evitiamolo dopo il parto!

Il Coito Interrotto è un metodo di controllo dell’eiaculazione che non prevede l’utilizzo del preservativo. Il rischio di una gravidanza è alto.

Care mamme, forse la maggioranza di noi non ha bisogno di leggere questo articolo, perché probabilmente o è incinta, o ha già figli, per cui debbo ipotizzare che il coito interrotto o non è stato funzionante oppure abbiamo scelto di avere un figlio sospendendo i metodi contraccettivi in uso.

Ma è sempre bene conoscere cosa sia precisamente il Coitus Interruptus, soprattutto nell’ottica di educare sessualmente i nostri figli che crescono, sensibilizzandoli ad una maggior prevenzione sessuale e nell’ottica di una prevenzione anche dopo il parto.

Il Coito Interrotto é un metodo di controllo della nascite che probabilmente esiste da sempre; è certamente, secondo diverse indagini statistiche, il più usato in Francia, e probabilmente anche in Italia dove però mancano dati statistici precisi.

Esso consiste nel precipitoso ritiro del pene dalla vagina, pochi istanti prima che avvenga l’eiaculazione.

Quando viene praticato in modo corretto, da risultati discreti: il tasso d’ insuccesso è di circa 17 gravidanze per 100 anni/donna, ma tali dati non sono precisi, perché sono presumibili in base alle ricerche statistiche.

Tali insuccessi sono generalmente dovuti al fatto che:

  • l’uomo non è stato capace di ritirarsi prima dell’eiaculazione;
  • anche prima dell’eiaculazione, alcuni spermatozoi possono venire espulsi e e svolgere, quindi, regolarmente la loro funzione.

Il metodo del coito interrotto lascia tutta la responsabilità della contraccezione al maschio, del cui autocontrollo la donna può non avere fiducia (diffidiamo da questi super uomini che si definiscono machi!).

Questa pratica potrebbe inoltre generare nella coppia forti tensioni, soprattutto se vi sono stati precedenti insuccessi, e un certo grado di insoddisfazione, frustrazione, talora più affettiva che sessuale, derivante dall’incompletezza dell’orgasmo.

E’ bene riconoscere, come tale pratica sia comune  soprattutto in un’età meno adulta, sia per l’uomo che la donna: spesso i ragazzi praticano il coito interrotto anche abitualmente, sperando in un buon esito dello stesso.

Cara amica, il nostro consiglio è quello di sensibilizzarti a prendere sempre precauzioni quando si hanno rapporti sessuali, soprattutto di evitare il coito interrotto in quelli occasionali, in virtù del fatto che il mancato utilizzo del preservativo da parte dell’uomo può facilmente portare alla diffusione di malattie sessuali.

E’ importante inoltre effettuare una raccomandazione alle mamme che hanno appena partorito: queste dovranno maggiormente diffidare dal praticare il coito interrotto, in quanto l’utero è ben pulito, tale da paragonarlo ad un campo fertile pronto per la semina, in cui basta anche poco perché quel semino caduto per caso possa generare una meravigliosa pianta…

Firma: Carlotta Guglielman

Notizie Correlate

Commenta