La Coop ritira 120 prodotti per il rischio di possibili sostanze cancerogene

Un’importante decisione della Coop per tutelare la salute di grandi e piccoli.

Couple shopping in a supermarketUnimamme, torniamo a parlarvi dellolio di palma per darvi una bella notizia: la Coop ha deciso di sospendere la produzione e, addirittura, di ritirare i prodotti a grande marchio che contengono questo ingrediente.

Il 3 maggio scorso l’Autorità per la sicurezza alimentare europea EFSA ha firmato un documento in cui si segnala la presenza nell’olio di palma di agenti genotossici e cancerogeni e dunque pericolosi per la nostra salute, soprattutto della fascia dei bambini e dei ragazzi.

Olio di palma: la Coop prende una decisione molto importante

Per questo motivo la Coop si è mossa per togliere dalla vendita ulteriori 120 prodotti che contengono questo elemento (la linea dedicata all’infanzia ne è già priva).

Bisogna sottolineare inoltre che fin dal 2014, quando venne segnalata la pericolosità dell’olio di palma, non ha incrementato il numero di prodotti senza olio tropicale.

Ora però questo verrà sostituito con:

  • olio extravergine
  • olio di oliva
  • olio monoseme (mais e girasole)

Non tutte le altre catene alimentari sono state così solerti.

Come riportail Fatto Alimentare Esselunga, per esempio, non ha prodotti a marchio proprio senza olio tropicale, ma ha aderito alla petizione del Fatto Alimantare per sostituire l’olio di palma:

  • nell’80% di biscotti
  • grissini
  • fette biscottate
  • e altre referenze a proprio marchio

Da parte sua invece Carrefour vanta già 50 prodotti senza olio di palma:

  • biscotti integrali
  • taralli
  • grissini
  • pane morbido
  • bruschette
  • strudel
  • focacce
  • cracker

Tra le più virtuose, invece, si può citare la Pam Panorama che ha 60 prodotti senza olio tropicale, mentre U2-Unes ne ha 50 con un assortimento composto da 29 referenze (tra cui 14 tipi di frollini e altri dolci come i Baci di Dama e i Cantucci).

Unimamme e voi cosa ne pensate della scelta della Coop circa i suoi prodotti? Speriamo che altri grossi marchi si adeguino e non ignorino la confermata pericolosità dell’olio di palma e il potenziale danno alla nostra salute e a quella dei nostri figli.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta