Cosa pensano i bimbi dell’omosessualità e dei gay? Ce lo svela un video!

Una video-intervista californiana ci svela cosa pensano realmente i bambini dell’omosessualità e dei matrimoni gay.

foto campagna no hate

Parlare di omosessualità con i bimbi può sembrarci una questione spinosa, non sappiamo come approcciare l’argomento e con le sovrastrutture che ci sono state imposte dalla società ci può sembrare di intaccare in qualche modo la loro “ingenuità”. Ebbene, un video ci svela che in realtà per i bimbi l’omosessualità è molto più normale di quanto non lo sia per molti adulti.

Di età compresa tra i 5 ed i 13 anni, i 13 bambini esaminati in questa video intervista sono tutti californiani.

Un uomo che si dichiara ad un altro uomo chiedendolo in sposo, una donna che chiede alla propria compagna di sposarla..dopo aver visto queste scene tratte da romantici flashmob i bimbi sono interrogati riguardo all’omosessualità ed alle unioni gay.

Molti di loro si sono emozionati e commossi, perchè ne hanno colto l’amore e la dolcezza, superando l’inusualità dell’impatto iniziale. I più grandi si sono mostrati totalmente a favore delle unioni gay ed hanno espresso  il proprio sdegno per la mancanza di diritti e di libertà che le coppie omosessuali sono costrette a sperimentare. Ecco alcune delle loro affermazioni:

  • “Gays and lesbians shouldn’t be hiding!” ( I gay e le lesbische non dovrebbero nascondersi)
  • “Anyone should be able to marry anyone” (Chiunque dovrebbe poter sposare chiunque)
  • “If you really like that person, you should be with that person” (Se quella persona ti piace veramente, dovresti stare con lei)
  • “Love is a freedom and they are totally taking that away from them” (L’amore è libertà e gliela stanno decisamente portando via)

Sono i bimbi più piccoli ad essere i più perplessi, anche se le loro reazioni paiono più frutto di emulazione che reale convinzione. Ecco alcune delle loro affermazioni:

  • “A guy proposing to a guy…that’s just crazy!” (Un ragazzo che chiede in sposo un altro ragazzo…è follia!)
  • “That made me sad. Gay is bad, because..I don’t know!” (Mi ha reso triste. Essere gay è brutto, perchè…non lo so)

Favorevoli o contrari, felici o tristi, i bambini hanno mostrato di aver accettato l’idea e di essere pronti a parlarne. Non scandalizziamoci dunque a parlare con i nostri figli di tematiche “scottanti” come l’omosessualità, per crescere dei cittadini del futuro coscienziosi e liberi dobbiamo aiutarli a capire il mondo ed i rapporti umani.

Ecco il video:

 

E voi, come la pensate? Ne avete parlato con i vostri figli? O pensate di farlo?

Firma: Benedetta Morbelli

Notizie Correlate

Commenta