Decreto legge 1720-B sulla guida in stato di ebbrezza

Importanti novità in tema di guida in stato di ebbrezza attraverso il Decreto Legge 1720-B. Strumenti per la rilevazione del tasso alcolemico. Campagna di sensibilizzazione per i giovani e per i più grandi.

etilometro

Cara unimamma, come avrai notato nei precedenti due articoli “Sanzioni per la guida in stato di ebbrezza” e “Alcool e Guida in stato di ebbrezza”, stiamo focalizzando molto l’attenzione su una tematica cosi particolare e importante.

E’ opportuno sensibilizzare i nostri figli ad una maggiore attenzione durante la guida, anche una piccola distrazione potrebbe essere fatale o comprometterne la salute.

I nostri figli imparano a guidare anchesecondo il nostro modo di guidare, è dunque opportuno che noi genitori per primi mostriamo una guida accorta e prudente in modo tale da insegnare a loro a fare altrettanto quando avranno conseguito la patente di guida.

Tra le più note novità in tema di guida, troviamo il Decreto Legge 1720-B entrato in vigore il 30/07/2010.

Cosa prevede questo decreto legge? Norme più rigide per la guida in stato di ebbrezza e per la somministrazione di alcolici nei locali pubblici.

Le tre novità fondamentali della nuova normativa sono le seguenti:

  • l’obbligo per i locali pubblici che rimangono aperti dopo le 24:00 di dotarsi di un etilometro a disposizione del cliente;
  • tasso alcolico zero per chi ha meno di 21 anni o ha conseguito la patente da meno di tre anni;
  • divieto assoluto di alcol anche per i guidatori professionali e i conducenti di veicoli per il trasporto di persone o cose con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate.

Da chi e come viene accertato lo stato di ebrezza? Gli organi di Polizia stradale, sottoporranno i conducenti ad accertamenti  attraverso l’ etilometro.

L’accertamento dovrà risultare lo stesso in due in almeno due determinazioni concordanti le quali saranno effettuate ad un intervallo di tempo di 5 minuti.

L’etilometro, collegato ad una stampante, fornirà la corrispondente prova documentale dell’avvenuto accertamento.

Se l’accertamento ha dato esito positivo, gli organi di Polizia stradale effettueranno ulteriori controlli.

Se vi è stato un sinistro stradale, i conducenti coinvolti e sottoposti a cure mediche, saranno sottoposti ad accertamento da parte delle strutture sanitarie adeguate, le quali, rilasceranno  agli organi di Polizia stradale la relativa certificazione.

Le precauzioni per evitare gli incidenti stradali come vedete sono molte, ma è importante che noi per primi, ed anche i nostri figli, siamo educati ad una guida corretta e prudente.

Firma: Carlotta Guglielman

Notizie Correlate

Commenta