“Il più orrendo incidente possibile a nostra figlia”: l’appello di una mamma

Una mamma racconta il pericolo corso da sua figlia in piscina perché non accada più.

Unimamme, con il sopraggiungere dell’estate molti genitori portano i loro bambini in piscina, noi vi parliamo di cosa è accaduto a una mamma e sua figlia per diffondere maggiori consapevolezza su determinate situazione, in modo che non accadano più a nessuno.

Una mamma lancia un messaggio sui pericoli in piscina

Alex Morgan è una mamma americana, che ha voluto condividere su Facebook ciò che è successo alla figlia di 6 anni durante una vacanza, per mettere in guardia i genitori.

Ecco il suo post tradotto per voi:

“Sperando che questo post possa salvare la vita di qualcuno, per favore potete chiedere a tutti i vostri amici e conoscenti di condividere questo post e chiedere anche a loro di fare altrettanto?”

Durante le vacanze di Pasqua siamo andati come viaggio di famiglia all’h10 Rubicon Palace di Playa Blanca, a Lanzarote.

3 giorni prima del volo di rientro, è accaduto il più orrendo incidente possibile a nostra figlia di 6 anni, Darcey, nella piscina dell’hotel.

Darcey stava nuotando sott’acqua quando i suoi capelli sono rimasti incastrati nel filtro che fa azionare una cascata della piscina.

Lei è rimasta sott’acqua per oltre 2 minuti. Alcune persone coraggiose hanno salvato la nostra bambina, quel giorno.

I suoi capelli sono stati tirati più volte prima di strapparsi. Darcy era svenuta e hanno dovuto farle la rianimazione cardio polmonare, è stata portata in ambulanza all’Arecife Hospital, dove è stata sottoposta ai raggi X, testata e tenuta sotto osservazione. I suoi livelli di ossigeno erano bassi e aveva molti fluidi nel polmone destro. Fortunatamente abbiamo portato via Darcey dall’ospedale il giorno seguente.

Altrimenti la nostra vacanza avrebbe avuto un finale completamente diverso.

Quello è stato il giorno più brutto di tutte le nostre vite.

Stiamo ancora soffrendo per venire a patti con tutto questo ma ci riteniamo fortunati di avere la nostra bellissima e coraggiosa bambina.

I membri dell’hotel non hanno mostrato nessun rispetto e hanno gestito male la cosa. Inizialmente hanno provato a dire che Darcey era scivolata sul bordo della piscina, aveva picchiato la testa ed era svenuta prima di finire in acqua.

Una buona parte dei capelli di Darcey sono stati rimossi dal filtro dopo l’incidente e il manager dell’hotel ha cercato di nasconderli in tasca.

Non hanno chiuso la piscina, la cascata o il filtro o fatto indagini.

Due giorni prima dell’incidente di Darcey il filtro aveva risucchiato i pantolincini del costume di un bimbo di 9 anni che stava nuotando. Questo è stato riportato in 4 diverse occasioni dal bagnino prima dell’incidente di Darcey e nessuna volta è stato annotato o investigato.

Darcey ha perso 4 bei grossi grappoli di capelli, ma per fortuna non li ha visti e ricresceranno.

Più tardi lo staff dell’hotel ci ha detto che i bagnini qui non sono addestrati e sono solo di presenza. Una cosa shockante.

Abbiamo prenotato questa vacanza attraverso Prima Scelta che ci hanno detto che stavano per interrogare membri del personale dell’hotel per indagare approfonditamente e rendere la cascata sicura.

Abbiamo ancora degli amici in hotel che ci hanno detto che non sta venendo portata avanti nessuna investigazione. Mi pare evidente che Prima Scelta valuta il contratto con l’hotel più della sicurezza dei clienti.

Vogliamo rendere coscienti più persone possibili sui pericoli delle piscine, dal momento che si sentiamo così tanto toccati.

Prima Scelta non ha fatto niente per investigare la questione, come aveva promesso, quindi questo ci ha fatti sentire in dovere di sottolineare i pericoli per chiunque andrà lì in vacanza quest’estate.

Ho letto una notizia di qualche giorno fa su un bambino di 7 anni in condizioni citiche dopo un incidente in un hotel H10 a Costa Teguise, a Lanzarote.

Non erano riportati dettagli, ma questa notizia mi ha indotto a scrivere questo messaggio ancora di più.

Io e Gareth non vogliamo che altri genitori attraversino questa esperienza. Non supereremo mai ciò che è successo, ma se questo messaggio può aumentare la consapevolezza, salvare la vita di altre persone, allora saremo felici.

Combatteremo tutto questo come possiamo quindi siamo disponibili a suggerimenti e aiuto per intensificare ancora di più.

Grazie mille”

Tantissimi i mi piace, i commenti e le condivisioni ricevute: più di 154 mila.

Unimamme, voi cosa ne pensate delle parole di questa mamma? Eravate al corrente del pericolo corso da questa bambina?

Vi lasciamo con 8 segnali di una persona che sta per affogare.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta