Travaglio e parto: nuove linee guida limitano gli interventi sulle donne

L’American College of Obstetricians and Gynecologists ha introdotto nuove linee guida riguardanti il travaglio e il parto di una futura mamma, se la gravidanza è a basso rischio.

travaglio

In America l’influente l’American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) ha emanato nuove linee guida per riesaminare i numerosi interventi a cui sono sottoposte le partorienti e che potrebbero non essere necessari.

Travaglio: le nuove linee guida

Come si legge sull’Huffington Post, il dottor Jeffrey Ecker, commenta in questo modo i recenti suggerimenti “è la prima volta che ci si indirizza alle pazienti a basso rischio, si spiega chiaramente che a volte un’osservazione vigile è la cosa più appropriata. Solo perché abbiamo la tecnologia questo non vuol dire che dobbiamo usarla su tutti i pazienti”.

Molti ospedali hanno deciso di adottare delle misure per contenere gli interventi, mentre altri no.

In ogni caso le nuove linee guida produrranno un cambiamento nelle cure standard delle mamme che stanno per partorire.

Tra le linee guida troviamo:

  • ritardare il ricovero in ospedale fino a che la donna non sia arrivata a 5 o 6 cm di dilatazione, se la donna e il feto stanno bene e la futura mamma è in regolare contatto con il suo medico
  • registrare il battito fetale durante il travaglio quando è appropriato e non monitorarlo continuamente,  evitando così di richiedere che le donne stiano ferme ed attaccate a una macchina in un momento in cui invece vorrebbero muoversi
  • promuovere l’assistenza emotiva individuale (un servizio spesso offerto dalla doula) , perché è dimostrato che miglora i risultati del travaglio per le donne
  • non usare farmaci per ridurre il dolore, ma preferire le tecniche di rilassamento per le donne che non vogliono necessariamente l’epidurale, come massaggi e travaglio iniziale in acqua
  • favorire la libertà delle mamme, che dovrebbero potersi muovere come voglio durante il travaglio e spingere nella posizione che ritengono migliore.

Si tratta comunque di direttive che si dovrebbero applicare a mamme che hanno avuto una gravidanza senza problemi e che vanno spontaneamente in travaglio quando il loro termine è sopraggiunto, quindi sono considerate a basso-rischio.

Bisogna considerare però che durante il travaglio le cose possono cambiare molto in fretta.

Il dottor Eschenbach, presidente del Obstetrics and Gynecologysts, ribadisce comunque l’importanza del monitorare la situazione di sottofondo perché ci sono situazioni rare che si verificano quando una mamma e suo figlio che hanno avuto una gravidanza regolare entrano in travaglio.

Queste nuove linee guida, riconosciute anche dall’Associzione delle Ostetriche americane, hanno lo scopo di ridimensionare la  pratica del cesareo, che in America ha raggiunto il 32% dei parti.

Unimamme voi cosa ne pensate di queste linee guida?

Noi vi lasciamo con alcune indicazioni sul parto in movimento.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta