Essere stati scout migliora la salute mentale da adulti: uno studio

Uno studio sottolinea i notevoli benefici dell’essere scout.

scout

Alzi la mano chi di voi non ha mai pensato, da piccolo, di voler diventare un piccolo scout.

Scout: perché è un’esperienza positiva

Un recente studio pubblicato sul Journal of Epidemiology & Community Healt ha evidenziato che partecipare a queste iniziative ha notevoli risvolti positivi sul benessere mentale perché aiuta a:

  • contare su se stessi
  • apprezzare il lavoro di squadra
  • risolvere problemi
  • fare attività all’aria aperta


Gli scienziati hanno indagato se la partecipazione a un gruppo come gli Scout possa prevenire le persone dal contrarre malattie mentali e se è in grado di ridurre le ineguaglianze a livello di salute mentale associate alla posizione socio economica nei primi anni di vita.

I risultati si basano su un’approfondita indagine che ha considerato:

  • 10 mila persone
  • queste persone sono nate nel 1958 nel Regno Unito
  • il 28% ha partecipato a un gruppo Scout
  • l’indice di salute mentale a 50 anni di queste persone era in media di 74,2
  • tra le persone che non avevano frequentato un gruppo scout è emersa un’inclinazione discendente per quanto riguarda la salute mentale
  • chi aveva partecipato a un gruppo scout aveva il 15% di possibilità in meno di soffrire di disturbi d’ansia e dell’umore rispetto ai coetanei

Dalla ricerca si evidenzia che frequentare gli Scout:

  • aiuta a migliorare le capacità di reazione allo stress
  • aumenta le chance si avere successo nella vita

Unimamme voi cosa ne pensate di questa attività?
I vostri figli partecipano a un gruppo simile?

Noi vi lasciamo con uno studio che evidenzia i comportamenti che mettono a rischio la salute mentale dei giovani.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta