Il motivo per cui i bambini piangono di notte spiegato da un esperto

Una teoria dell’evoluzione sostiene che i bambini che piangono di notte abbiano uno scopo ben preciso.

Pensavate che i vostri figli piangessero la notte per via della fame o perché avessero fatto un brutto sogno?

Ebbene no: sappiate cari genitori che quei piccoli esseri già a 6 mesi sono in grado di elaborare delle strategie di sopravvivenza per rimanere figli unici (o per lo meno per godersi mamma e papà in maniera esclusiva ancora per un po’).

Un’idea rivoluzionaria ipotizzata dal Professor David Haig dell’Università di Harvard, che ha pubblicato il suo studio sulla rivista Evolution, Medicine and Public Health, come riporta il sito DailyMail.

Il motivo per il quale i bambini piangono di notte

Il medico sostiene infatti che il pianto notturno dei neonati sia una specie di piano per fa sì che la mamma  allatti più spesso in modo tale da ridurne la fertilità. Ciò accade in maniera più continuativa dopo i 6 mesi, quando alla donna arrivano le mestruazioni, inizialmente assenti per via dell’allattamento.

Ma anche allattando si può rimanere incinte, direte voi. E’ vero, però le ultime ricerche dimostrano che in realtà allattare soprattutto di notte diminuisce il rilascio di ormoni riproduttivi: tra l’1 e le 6 del mattino infatti gli ormoni dell’allattamento che sopprimono l’ovulazione raggiungono il picco.

Inoltre piangendo di notte, rendono i genitori troppo stanchi per una notte romantica assieme.

Sempre secondo il professore, biologo dell’evoluzione “la selezione naturale conserverà…i comportamenti dei neonati che impediscono le funzioni ovariche nelle mamme perché in passato i neonati hanno beneficiato del ritardo della nascita successiva. La stanchezza materna può essere vista come parte integrante della strategia del neonato per estendere l’IBI (inter-birth interval, intervallo tra nascite)“.

Nel suo studio aggiunge: “Brevi ritardi nella nascita del fratello più piccolo sono associati ad un aumento della mortalità di neonati e bambini più grandi, specialmente in ambienti con scarsità di risorse e malattie infettive aggressive

Insomma: svegliandosi di notte i bambini non favorirebbero con la suzione la produzione ormoni necessari alla fertilità della donna ed in più minerebbero i rapporti tra coniugi…mica stupidi, eh?

E voi unimamme, che ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta