“Grazie Mamma!”: il sangue del cordone ombelicale aiuta tanti bambini prematuri

Ecco come il sangue del cordone ombelicale può aiutare moltissimi bimbi prematuri.

genitin onlusDal 14 marzo al 2 aprile Genitin Onlus lancia la campagna: “Grazie Mamma!” con lo scopo di coinvolgere e sensibilizzare le mamme sulla donazione del sangue del cordone ombelicale che può aiutare i bambini nati pretermine.

Genitin Onlus è l’Associazione dei Genitori per la Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico Agostino Gemelli di Roma che desidera proteggere la vita dei bimbi prematuri.

Genitin Onlus: il sangue del cordone ombelicale può salvare tanti bambini pretermine

La donazione del cordone ombelicale inizialmente è stata concepita con l’obiettivo di recuperare le cellule staminali per possibili cambiamenti futuri.

Meno del 20% di essi sono utilizzati per questo scopo, perché le cellule staminali presenti sono poche e quindi anche il resto finisce con l’andare perduto.

Da qui nasce l’idea del progetto “Grazie Mamma!” per recuperare i globuli rossi dei cordoni ombelicali e utilizzarli per la trasfusione ai neonati gravemente pretermine (neonati con un peso inferiore a 1500 grammi e/o con una gestazione inferiore alle 32 settimane).

I glubuli rossi sono molto importanti per i piccoli pretermine. Quando sono nell’utero riescono a vivere con poco ossigeno, ma una volta nati, respirando, ne ricevono in quantità enormemente superiori.

Avviene così una liberazione dei radicali dell’ossigeno che l’organismo cerca di compensare con meccanismi fisiologici.

I bimbi pretermine sono quindi sottoposti a un forte stress ossidativo. Tutto ciò favorisce lo sviluppo di malattie come:

  • retinopatia del pretermine
  • displasia broncopolmonare
  • enterocolite necrotizzante

Grazie alla trasfusione effettuata con globuli rossi cordonali si riduce lo stress ossidativo e se le trasfusioni sono più numerose, il vantaggio diventa più rilevante.

Sapendo che i globuli rossi del cordone venivano buttati neonatologi e trasfusionisti si sono mossi per attuarne il recupero.

Ogni cordone può offrire dai 20 ai 60 cc di globuli rossi fetali che possono essere trasfusi ai bimbi pretermine.

Per trasfondere un neonato di 1000 grammi bastano 20 cc di globuli rossi concentrati.

Dopo essere stati prelevati dal cordone i globuli rossi vengono conservati per 14 giorni, se non vengono usati in questo lasso di tempo vanno perduti.

La raccolta già attiva al Policlinico Gemelli non riesce a garantire un’adeguata quantità di globuli rossi per i bambini che sono ricoverati in Terapia Intensiva Neonatale.

Ed ecco quindi l’intervento di Genitin Onlus che consiste nell’inviare un sms o chiamare da rete fissa il numero 45509 donando 2 o 5 Euro per la campagna Grazie Mamma!.


Voi li aiuterete? Basta davvero poco! Se poi volete seguirli nelle loro attività, potete farlo anche dalla loro pagina Facebook.

Noi vi lasciamo con uno studio sulla conservazione del cordone ombelicale.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta