Genitori tristi e frustrati? Tutta colpa della tecnologia!

Una recente ricerca sottolinea come i genitori moderni siano più frustrati dei genitori di 15 anni fa.

mamma e bimba si tengono per mano

Cari unigenitori, per caso ultimamente vi sentite frustrati dal peso di allevare i vostri piccoli?

Se la risposta è sì potreste essere inseriti nelle percentuali dell’indagine condotta da Child Trends, un’organizzazione no profit che studia il benessere dei piccoli.

Secondo i risultati del National Survey of America’s Families e il National Survey of Children’s Health: il 35% dei genitori, nel 2007, dice di sentirsi irritato dalla propria situazione, a fronte di un 20% che dichiarava tutto ciò nel 1997.

Il ricercatore americano David Murphey, riferendosi alla famiglia dei giorni nostri sottolinea come questa sia cambiata molto, oggi infatti abbiamo più genitori single oppure più famiglie con due redditi. Questo però non si traduce per forza in benefici per i genitori e i loro piccoli.

A distrarre mamma e papà dal loro ruolo nei confronti dei figli e ad aumentare la pressione su di loro sono:

  • email
  • dispositivi elettronici vari
  • il controllo sui figli riguardo l’uso di questi strumenti tecnologici.

A quanto pare i genitori moderni sentono anche molto la competizione con i loro pari, veicolata, a sua volta, attraverso i social network.

Fino a una quindicina di anni fa per “spiare” nelle famiglie altrui bisognava conoscerle, magari scambiare quattro chiacchiere quando si andava a prendere i figli a scuola, ora basta il click del mouse.

Secondo l’esperta Amy McCready che si è dedicata per una decade  a motivare i genitori, quelli moderni sentono di avere meno controllo.

Per la McCready i genitori sono più frustrati perché:

  • il ritmo della vita familiare è accelerato
  • i social media passano messaggi sbagliati come quello di competere con altre famiglie
  • i bambini vogliono tutto subito.

Quest’ultimo fattore, in particolare, pesa sulle spalle dei genitori che non sanno più cosa fare con i loro esigentissimi bambini.

Per cercare di rimediare a questa situazione la McCready consiglia di stare con loro almeno 15 minuti al giorno senza usare la tecnologia!

I genitori che vivono queste situazioni di difficoltà rischiano di inasprire i loro metodi nei confronti dei bimbi, fino ad arrivare alla violenza, in alcuni casi.

Pre prevenire tutto ciò sarebbe bene che prima di tutto fossero loro a prendersi cura di se stessi. Dopotuttto un papà e una mamma felici potranno sicuramente dare il buon esempio ai figli.

E voi unimamme cosa ne pensate? Qualche volta anche voi esplodete davanti ai bimbi? E come vi comportate dopo?

Parlatene con noi se vi va.

 

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta