2° Settimana di Gravidanza



Durante la seconda settimana di gravidanza l’ovulo è stato, ormai, fecondato dallo spermatozoo all’interno della tuba di Falloppio e l’impianto embrionale si è ben radicato nell’utero. Ormai sei una mamma! Nelle prime due settimane è possibile avere alcune macchie di sangue definite perdite da impianto che non devono preoccuparti. Chiaramente se noti che le perdite durano molto e aumentano di intensità è il caso di avvertire il tuo medico curante o il tuo ginecologo.

Seconda settimana di gravidanza, cosa avviene

Cosa accade a te

Durante la seconda settimana di gravidanza i sintomi, molti dei quali possono lasciar pensare alla sindrome premestruale, sono gli stessi di quelli descritti nella prima settimana di gravidanza, quando la cellula uovo si trova nella tuba di Falloppio. È probabile che ti senta stanca, apatica nonché “vittima” di nausea e vomito. Gli odori forti possono darti fastidio e il tuo umore può subire repentini cambiamenti. Tranquilla, è tutto normale, passerà!

I valori del tuo Beta-HCG, l’ormone che viene prodotto dall’organismo della donna solo nel momento in cui l’embrione si impianta nell’utero, nella seconda settimana sono tra i 45 e i 1175 mU/ml. La presenza di tale ormone, come saprai, è individuabile attraverso l’esame del sangue o delle urine.

Ricordati che da adesso in poi è assolutamente vietato fumare, bere alcolici o utilizzare droghe di qualsiasi genere, il tuo bambino potrebbe subire seri danni. Se puoi cerca di evitare anche di utilizzare le tinture per i capelli perché nocive, nel caso ne fossi costretta ricorda di usare quelle naturali prive di ammoniaca.

Cosa accade al bambino

Nella seconda settimana di gravidanza l’embrione ha un’età approssimativa di 7-14 giorni, è formato da 150 cellule e ha tre strati che vengono chiamati foglietti embrionali:

  • endoderma, definito anche strato interno, che darà origine alla formazione del sistema respiratorio e digerente,
  • mesoderma, definito anche strato intermedio, dal quale si formeranno gli organi genitali, le ossa, i reni, i vasi sanguigni e i muscoli,
  • ectoderma, o strato esterno, dal quale si svilupperanno il cervello, i nervi, la pelle e i capelli.

Una macchina perfetta che, lavorando all’unisono, darà vita al tuo bellissimo bambino.

Consigli utili per mamma e papà

È consigliabile che le future mamme e i futuri papà facciano un’anamnesi familiare, ovvero scrivano tutte le eventuali malattie dei familiari più stretti, mostrando la stessa, poi, al ginecologo che accompagnerà i futuri genitori durante la gravidanza.

Inoltre, per iniziare la gravidanza nel migliore dei modi, si suggerisce di fare le analisi del sangue aggiungendo, a quelli di routine, anche

  • Rubeotest, per vedere sei immune alla Rosolia;
  • Anti CytoMegaloVirus, responsabile di malattie assai comuni come la varicella, l’herpes labiale, l’herpes genitale, il fuoco di Sant’Antonio e la mononucleosi infettiva, facilmente trasmissibile al feto;
  • Toxotest, malattia parassitaria che si contrae attraverso le feci del gatto, la carne cruda, o poco cotta, i salumi e i prodotti della terra non lavati in modo accurato;
  • Test HIV, consigliato anche al futuro papà, per conoscere i rischi a cui si va incontro se uno dei due genitori risulta essere sieropositivo.

E tu unimamma che sintomi ricordi di avere avuto durante la tua seconda settimana di gravidanza?

foglietti embrionali (seconda settimana di gravidanza)

(Fonte foto: centrosangiorgio.com)

Ti potrebbero interessare anche:


Link utili

2° Settimana di Gravidanza

Commenta

Notizie Correlate