Il figlio scrive ai genitori…

Una lettera che fa emozionare e che ci insegna tanto.

 

Ci domandiamo spesso come dobbiamo comportarci con i figli, man mano che crescono, e non sempre abbiamo le risposte…

Certo siamo coscienti di avere l’onere e l’onore di “formarli”, di farli crescere insegnando loro il rispetto del prossimo, del mondo e di se stessi.

Facile a dirsi, ma non a farsi…e i ritmi della vita quotidiana non aiutano: ci catturano e ci fanno perdere di vista le cose importanti.

Allora a volte serve fermarsi, respirare e rifocalizzare…ecco questa lettera, trovata sul web, può servire a questo, a rifocalizzare sui figli!

 

LETTERA DI UN FIGLIO A TUTTI I GENITORI DEL MONDO

 

Non datemi tutto quello che vi chiedo.

A volte chiedo solo per riscontrare quanto posso prendere.

 

Non sgridatemi: vi rispetto meno quando lo fate ed insegnate a gridare anche a me.

Non vorrei imparare a farlo.

 

Mantenete le promesse, belle o brutte.

Se promettete un premio, datemelo, e comportatevi così anche con le punizioni.

 

 Non mi paragonate mai a nessuno, specialmente a mio fratello o sorella;

se mi fate apparire migliore o peggiore di altri sarò io a soffrire.

 

Non cambiate parere così spesso su ciò che devo fare;

siate determinati a mantenere la vostra decisione.

 

Permettetemi di crescere fidandovi delle mie capacità.

Se voi fate tutto al posto mio io non potrò imparare mai.

 

Non dite bugie in mia presenza e non mi piace che voi mi chiediate di dirle al vostro posto, neanche per darvi una mano.

Questo mi fa sentire male e perdere la fiducia in tutto ciò che mi dite.

 

 Quando sbagliate ammettetelo.

Questo aumenterà la mia stima per voi, mi insegnerete così ad ammettere i miei sbagli.

 

Trattatemi con la stessa affabilità e spontaneità che avete verso i vostri amici;

essere parenti non vuol dire essere amici.

 

Non mi chiedete di fare una cosa che invece voi non fate, anche se non lo dite;

non farò mai ciò che voi dite, ma non fate.

 

 

Quando voglio condividere una mia preoccupazione con voi, non ditemi:”Non abbiamo tempo per stupidaggini” oppure: “Cose da ragazzi”;

Cercate di capirmi e di aiutarmi.

 

 Vogliatemi bene e ditemelo.

A me piace sentirmelo dire, anche se voi credete che non sia necessario dirmelo.

 

 Abbracciatemi, ho bisogno di sentire il vostro amore, la vostra compagnia e la vostra amicizia in ogni momento.

 

Insomma, che ne ve pare? Quale passaggio vi ha “colpito” di piu’?

Parliamone, se vi va… 🙂

Firma: Perla Colono

Notizie Correlate

Commenta