In Italia 1 bambino su 3 è a rischio: “addio infanzia”

L’Atlante dell’Infanzia di Save the Children evidenzia come 1 minore su 3 in Italia sia a rischio di povertà ed esclusione sociale.

povertà infantile

La povertà infantile, con i pericoli che questa comporta di cui vi abbiamo parlato poco tempo fa a seguito della pubblicazione di un rapporto dell’Unicef, è una realtà molto concreta anche per tanti nostri piccoli connazionali, a ricordarcelo è Save the Children.

Povertà infantile: l’infanzia negata dei piccoli italiani

L’edizione 2016 dell’Atlante dell’infanzia a rischio che quest’anno, per la prima volta, viene pubblicato da Treccani, segnala che l’infanzia di moltissimi bambini italiani è a rischio.

1 minore su 3 è a rischio di povertà ed esclusione sociale, significa il 32,1% del totale, una percentuale importante e che stride invece con la media europea del 27,7% e con quella di alcuni Paesi europei in cui il welfare funziona decisamente meglio.

Secondo le stime l’Italia investe nella protezione sociale di ogni individuo quanto l’Europa ma il nostro welfare non riesce ad ottenere gli stessi frutti nella lotta alla povertà e all’esclusione minorili.

In rapporto agli stessi interventi di welfare, per esempio, la povertà relativa nelle fasce da 0-17 anni si riduce da un potenziale del 35% (prima dei trasferimenti) al 25% (dopo i trasferimenti).

In Italia però, come mostra il grafico, per proteggere maternità, famiglia e infanzia, si spende pochissimo, solo il 4,1%.

pv-2-1

pvp2-2

In Italia 1 bambino su 10 e quasi 1 famiglia con bambini su 10 vivono in povertà assoluta. La percentuale ammonta al 9,3%. Nel 2006 era dell’2%.

I minori in povertà assoluta si dividono così in Italia:

  • 490 mila al Nord
  • 191 mila al Centro
  • 450 mila al Sud

Per quanto riguarda le famiglie:

  • 253 mila (8,6%) al Nord
  • 1oo mila (8%) al Centro
  • 264 mila (8,4%) al Sud

pv3

Povertà può risultare un termine astratto, ma vediamo nel concreto cosa vuol dire per un piccolo di oggi crescere così grazie all’indagine dell’ufficio statistico europeo Statistics on income and living conditions.

Bambini tra 1-15 anni non hanno accesso a beni ritenuti acquisiti e di pubblico dominio in una società ritenuta avanzata.

  • il 2,6% non ha frutta fresca o verdura una volta al giorno
  • il 2,9% non ha due paia di scarpe di cui uno utilizzabile in ogni stagione
  • il 5,7% non mangia carne o equivalente vegetariano almeno una volta al giorno
  • il 5,6% non ha giochi con un cui intrattenersi
  • il 13,2% non ha uno spazio adeguato, in casa, per fare i compiti
  • il 13,7% non partecipa ad attività di svago fuori casa
  • il 29,5% non fa nemmeno una settimana di vacanza fuori di casa
  • il 10% non può partecipare alle gite scolastiche

pv4

L’Italia mostra livelli di povertà minorili maggiori rispetto alla medie europea. Per i bambini tra 1 e 17 anni a rischio di povertà ed esclusione sociale la media è:

  • 27,7% in Europa
  • 32,1% in Italia

pv5

La crisi economica ha avuto ricadute molto pesanti sulla fuel poverty delle famiglie (famiglie in povertà assoluta che non riescono a riscaldare la casa).

pv6

La percentuale di giovani che hanno abbandonato l’istruzione superiore, in generale, è diminuita. Sono però i maschi quelli con la percentuale più alta di dispersione scolastica.

pv8

In Italia la percentuale di adulti con livelli di scolarizzazione inferiori rimane molto elevata, è di circa 15 punti sotto la media europea. I bassi titoli di studio ricadono poi sui figli:

  • il 58,5% dei bimbi o ragazzi i cui genitori hanno al massimo la licenza elementare vive in povertà relativa

Nonostante, in generale, l’istruzione rappresenti un fattore protettivo, in Italia lo è meno perché non vi sono sbocchi lavorativi o riconoscimento delle qualifiche.

Unimamme, voi cosa ne pensate di questi dati? Eravate al corrente di quanti bambini vivono nel disagio?

Voi fareste qualcosa di concreto per loro?

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta