La babysitter può giudicare i genitori?

Da una baby-sitter trovata tramite una società che le offre come servizio ci si aspetta professionalità, ma non sempre è così.

mamma che prende un bimbo dalla carrozzina

Per noi genitori non è facile lasciare i figli a degli estranei, che per quanto affidabili, professionali e gentili, sono sempre delle persone che non fanno parte della famiglia. Soprattutto se non si hanno i nonni vicino, se si vuole continuare a lavorare, purtroppo le soluzioni non sono molte: o il nido oppure la baby sitter.

Anche qui in Italia esistono dei siti in cui cercare il profilo di baby sitter più adatto alle vostre esigenze, ma quando si leggono certe storie viene da domandarsi come sia possibile fidarsi di chi non si conosce e ti giudica come genitore.

La storia di cui vi parliamo è stata raccontata da una mamma su Reddit : la donna stava cercando un nuovo servizio di babysitting per la sua bambina, dopo che non si era trovata molto bene con quello precedente. La signora ha detto di essersi trovata inizialmente a suo agio nel nuovo centro che aveva visitato per scegliere una nuova baby sitter, perchè la persona con cui aveva parlato le era sembrata affabile e sembrava aver capito perfettamente le sue esigenze. La mamma aveva quindi deciso di assumerla, ma poi ha letto un messaggio in cui l’operatrice parlava apertamente della sua modalità di essere genitore.

messaggio mamma e babysitterVe lo traduciamo:

“(Baby Sitter)

Ciao. Ti ho lasciato un messaggi vocale. Sentiti libera di chiamarmi o mandarmi un messaggio. Grazie.

Ho parlato  con (il nome della mamma). Ha un urgente bisogno.

E’ un’altra co-slepeer con una bimba che dorme solo 30 minuti!

Ha un’altra babysitter che conosciamo e piange tutto il giorno.

Ma che hanno questi genitori?

Forse dovrei forzarmi ed essere più selettiva?

Ne ho già uno di bambino che dorme 45 minuti ed è così devastante. Non va bene per il bambino.

Oh, ha detto che lo allatta tutta la notte. Che genitore pigro!

E’ abituata ad avere la culla di fianco al letto e ora la bimba dorme nel loro letto tutta la notte.

Cosa pensano che accadrà durante il giorno? “

 

Insomma, questa mamma si è dichiarata “scioccata” per la risposta della baby sitter, che evidentemente era rivolta a qualcun altro. Certo sentirsi chiamare “genitori pigri” o sentirsi giudicati per il fatto che il proprio figlio dorma nel lettone con mamma e papà è poco professionale. Una tata dovrebbe semmai dare dei consigli, magari richiesti.

E voi unimamme? Cosa ne pensate? Vi è mai successo di sentirvi giudicate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta