“Genitori rilassatevi e fate più figli”: parola di papà economista

L’economista Bryan Caplan spiega come avere tanti figli ed essere genitori sereni e felici.

genitorialitàSecondo un recente studio una delle chiavi per la felicità risiede nell’avere figli, ma solo se sono stati voluti.

Bryan Caplan, psicologo ed economista presso la George Mason University che ha pubblicato un libro dal titolo: Ragioni egoistiche per fare più figli: perché essere un bravo genitore è meno faticoso e più divertente di quanto si pensi, parte dalla sua esperienza di genitore di due gemelli per addentrarsi nei territori della genitorialità e di come questa possa legarsi alla felicità.

Genitorialità serena: avere tanti figli ed essere felici e rilassati è possibile!

Diversi anni fa, in procinto di diventare, per la prima volta, padre di due gemelli ha scoperto che la genetica determina buona parte dei seguenti ambiti:

  • salute
  • intelligenza
  • felicità
  • successo
  • personalità
  • valori
  • interessi

Questo risultava valido in caso di gemelli omozigoti,fraterni, separati o cresciuti insieme.  La scienza inoltre dimostrava un altro importante aspetto: gli effetti del modo di essere genitori sulla vita adulta adulta dei figli erano praticamente insignificanti.

Certo, i genitori cercano di educare i figli, di cambiarli, ma come riportato sul Wall Street Journal, questi cambiamenti svaniscono quando questi crescono.

I suggerimenti di Caplan sulla genitorialità risultano completamente diversi dalle teorie di “mamma tigre” di Amy Chua che esorta le famiglie occidentali ad adottare uno stile educativo più simile a quello orientale, fatto di regole ferree, studio e niente divertimento.

Lo psicologo economista, mentre cresceva i suoi primogeniti gemelli, ha notato che molti genitori prendono il loro compito come un dovere:

  • costringendo i figli a fare attività che non gli piacciono
  • vietando passatempi piacevoli come la televisione
  • inventandosi trucchi per far mangiare loro fino all’ultimo cucchiaio della verdura che gli fa tanto bene

Nella mente dei genitori si tratta di fare qualche sacrificio in modo che i figli, una volta adulti, possano trarne beneficio.

Le ricerche scientifiche sui gemelli dimostrano l’inutilità di tutto questo affanno che carica i genitori di lavoro e li priva della gioia e del piacere di allevare i figli e goderseli in modo più rilassato, senza pressione.

Caplan chiama il suo approccio, che comunque non è del tutto permissivo e ingenuo come potrebbe sembrare, “genitorialità serena” e che consiste nell’accettare che non si possono cambiare alcune cose, imparando ad accettarlo e a discernere da quelle che invece si possono modificare.

Sostanzialmente si sgravano le mamme e i papà dalle innumerevoli pressioni e aspettative che la società pone sulle loro spalle nel momento in cui hanno un figlio. Loro dovrebbero accettare che il futuro dei figli dipende da loro stessi e che educarli vuol dire insegnare loro a trattare i loro simili in modo decente e non plasmare il loro avvenire. Apprezzarli questo si.

In concreto Caplan e moglie, per esempio, lasciavano piangere i bambini per 10 minuti e poi li confortavano per farli addormentare, certo anche loro facevano fare sport e attività ricreative ai bimbi, ma con moderazione, lasciando largo spazio alla tv o al computer, intrattenendosi e dando un momento di tregua ai genitori. Oppure si potrebbero trovare attività da praticare insieme a tutta la famiglia, come leggere un libro, fare uno sport, un gioco insieme, andare in piscina. “Illuminare” era l’unica lezione pratica tratta dalle ricerche sui gemelli.

Infine, solitamente quando si vede per strada una famiglia e si chiede ai genitori se vogliano un altro bimbo questi scuotono la testa terrorizzati, perché sono già stressati e stanchi da quelli che hanno già.

I genitori odierni pagano un prezzo emotivo troppo alto per ogni figlio, per i motivi sopra citati, ma se la smettessero di caricarsi dei risultati futuri dei figli comportandosi come generali con un plotone, sicuramente rivedrebbero la prospettiva di avere più figli.

Da bravo economista fa un paragone semplice: “quando scopri che qualcosa che vuoi è più economica di quanto immaginavi ne vuoi di più”.

E voi unimamme sostenete l’approccio di Caplan?

Anche voi dedicate molto tempo alle attività extrascolastiche dei figli, iscrivendo a corsi, ecc…?

Qualche volta pensate di fare “troppo”?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta