La medicina per tutti i mali: la risata, soprattutto per i più piccoli

Per i bambini malati ridere di gusto davanti a delle sorprese potrebbe essere la miglior terapia possibile. Ecco come il sorriso diventa un “farmaco” indispensabile.

Circus Elephants Parade On Capitol Hill

Ridere fa bene, più meno lo sappiamo tutti anche solo per sentito dire, ma non teniamo in considerazione il fatto che queste parole nascano da degli studi scientifici accurati. Ridere del resto ha tantissime funzioni positive essendo una componente molto importante per la salute fisica e psicologica degli adulti , ma anche dei più piccoli:

  • permette di liberare e purificare le vie respiratorie
  • tende ad abbassare il tasso di grasso nel sangue
  • ci permette di rilassarci
  • combatte la debolezza fisica e mentale…
  • calma il dolore levando l’attenzione da esso
  • crea un senso di ottimismo perfetto per combattere gli stati di depressione.

Alcuni studi dell’Università di Medicina di Standford, pubblicati su un giornale di settore, riportavano l’attenzione sul fatto che specifiche aree del cervello dei bambini si attivano solo grazie alla risata e che possono stimolare e coadiuvare il corpo nel processo di guarigione. Un forte senso dell’umorismo assieme a tutta una serie di emozioni positive, rendono infatti il bambino più resistente e più propenso ad accettare e superare situazioni difficili che gli si pongono davanti nel corso di un processo riabilitativo e di cure. Per arrivare a questa conclusione i ricercatori hanno esaminato, tramite una risonanza magnetica funzionale, il cervello di 15 bambini mentre guardavano alcuni video divertenti.

La scoperta fondamentale è stata fatta notando che alcune parti del cervello dei bambini si attivavano mentre guardavano video divertenti e con palesi incongruenze con la realtà (per fare un esempio: tantissimi clown che escono da una macchina piccolissima). Le sorprese quindi, ciò che il cervello non si aspetta di vedere, sono un elemento importante per stimolare la risata e il divertimento dei bambini; ecco quindi anche spiegato il successo delle Onlus che si occupano di Clown Terapia negli ospedali.

Neruda diceva che :”Ridere è il linguaggio dell’anima“. Nulla di più vero a questo punto e, soprattutto, nulla di più importante…

Firma: selena marvaldi

Notizie Correlate

Commenta