Le armi improprie dei bambini: conoscerle per evitarle! (FOTO)

Anche se spesso vengono considerati innocenti e indifesi, i bambini hanno delle armi improprie naturali: dentini e unghie che non hanno paura di usare.

armi improprieSiamo soliti considerare i neonati come dei teneri frugoletti, delicati e indifesi, che necessitano costantemente delle nostre cure, ma sopratutto della nostra protezione. Dopotutto, sono così piccoli da non potersi difendere da soli, in caso di attacchi esterni che mirano alla loro incolumità. In realtà non è un ragionamento del tutto corretto, perché i bambini, come spinti da un istinto primordiale e animalesco, riescono ad attaccare molto bene con due delle armi più letali che la natura ha fornito loro: denti e unghie.

Perché anche se non le consideriamo come tali, le unghie dei bambini sono delle armi eccezionali, affilate più di un rasoio, che hanno sfigurato e continueranno a farlo, intere generazioni di neo genitori alle prime armi e intere schiere di parenti inconsapevoli che dietro l’aspetto angelico dell’adorato frugoletto, si nasconda l’indole e la precisione di un vero killer.

Io ne sono il diretto esempio in quanto posso ancora sfoggiare sulla fronte una cicatrice, ricordo indelebile dall’artigliata del mio nipotino di 8 mesi, provocata qualche anno fa. Avevo inconsapevolmente avvicinato il mio volto al suo, per un piccolo e tenero bacio. Invece, vedendo il mio faccione barbuto e minaccioso, sentendosi attaccato, si era difeso colpendomi al volto. Un colpo secco dall’alto verso il basso, sottile ma letale, che mi aveva spinto ad allontanare il volto istantaneamente. Quando poi mi voltai ancora sofferente per accertarmi che fosse stato realmente lui, lo trovai a fissarmi interrogativo, come a volermi dire: “Ne vuoi ancora un po’?”. Forse sarebbe il caso di tagliargli le unghie?

Possiamo poi dimenticare i loro denti da latte? Suppellettili temporanee, destinate a cadere e a venire rimpiazzate da altri, ma non per questo meno resistenti e letali. Tutti i genitori attendono con paura il momento della crescita dei primi dentini, convinti che la parte più dura sia la fase intermedia dentro/fuori. In quei giorni, infatti, il tenero angioletto è nervoso, ha la febbre, il sederino rosso e le gengive gonfie, situazione che comporta attacchi a sorpresa totalmente ingiustificati per mezzo delle loro unghie, tanto per cambiare. Genitori inesperti possono pensare che la fase più dura passa nel momento in cui l’agognato dentino riesce a venir fuori. In realtà, è da lì che tutto ha inizio.

I denti verranno considerati come un nuovo arto, utilizzabili per gli scopi più disparati: testare la differenza di solidità e consistenza dei mobili più bassi, assaporare il gusto di scarpe e vestiti e naturalmente per capire quanta pressione è necessaria affinché sulla mano di papà e mamma rimanga il segno di un morso. Mio figlio li usa come trasportino mentre gattona, avendo le mani occupate per spostarsi. Lo vediamo quindi girare per il salotto a quattro zampe, mentre in bocca tiene il suo orsetto preferito. Naturalmente le più svantaggiate sono le mamme che, nel caso in cui allattino ancora alla nascita di questi terribili utensili, si trovano a dover mettere una parte sensibile come il capezzolo, proprio all’interno di quella morsa inesorabile. Le classiche metodologie per far loro mollare la presa, come solleticare il naso, non sempre funzionano e quindi non rimane che sopportare nel silenzio e dolore.

Per alcuni di voi, questo ragionamento potrà sembrare esagerato, ma posso dirvi che da un po’ di tempo, metto in bocca a mio figlio il nocchino del dito con la stessa cautela con cui metterei la mano nella fauci spalancate di un leone. Genitore avvisato, mezzo sfigurato.

Inoltre so per certo che non sono l’unico a pensarlo: due papà americani che hanno un blog molto simpatico, How to be a dad, hanno addirittura realizzato dei poster sulle armi improprie dei bambini.

Partiamo dalle unghie:

armi improprie

LE PIU’ LETALI ARMI DA TAGLIO

  • Coltello da macellaio (può tagliare facilmente frutta e vegetali, carne, lattine, adolescenti in vacanza)
  • Ascia da combattimento (può tagliare facilmente armatura, caxxate, cancelli di castelli, contadini e cavalieri)
  • Spada da samurai (può tagliare facilmente mele lanciate, tronchi d’albero, proiettili sparati, ninja e altri samurai)
  • Spada laser (può tagliare facilmente droidi, veicoli, porte anti-esplosione, i Signori dei Sith e altri Jedi)
  • Unghie da bambino (possono tagliare facilmente caccole secche, molecole, genitori e altri bambini)

Ma veniamo ai denti:

armi improprie

 

LE PIU’ FEROCI ZANNE

  • Denti di serpente: questi denti come aghi non servono a masticare il cibo, sono destinati principalmente a pompare il veleno, per immobilizzare o uccidere la preda o difendersi da altri predatori e da campeggiatori davvero sfortunati
  • Denti del tasso del miele: ciò che questi denti storti e spesso corti mancano in lunghezza e durezza è più che compensato da grande determinazione e indifferenza
  • Denti da squalo: questi denti giganti  a forma di freccia sono seghettati come coltelli da bistecca per tagliare pelli di pesci , mammiferi marini e l’abbigliamento in poli-blend di pescatori e ragazzi in vacanza
  • Denti da vampiro: soprannaturalmente forti e taglienti, questi denti sono progettati per perforare la pelle e le arterie come il top delle scatole di succo di frutta, e hanno anche un condotto per avvelenamento e convertire altri in emo-morti
  • Denti di bambino: taglienti come il diamante quando spuntano, questi denti nascondono il loro potere di infliggere dolore dietro i teneri sorrisi da scoiattolo, ma sono sempre pronti a colpire su dita ignare, nasi , ginocchia e capezzoli.

E voi unigenitori siete mai stati feriti dal vostro tenero bambino?

Firma: Andrea Mondati

Notizie Correlate

Commenta