“Bambole per pedofili” possono prevenire gli abusi sessuali sui bambini? (FOTO)

Alcune bambole prodotte in Giappone sono oggetto di controversia circa il loro utilizzo.

Dall’Oriente arriva un modo piuttosto controverso che secondo alcuni aiuterebbe i pedofili a non commettere gli spregevoli crimini di cui spesso sono accusati.

bambole per pedofiliPer questo motivo un’azienda giapponese denominata Trottla e diretta da un certo Shin Takagi, che ha dichiarato di essere anche lui attratto da minori, ha cominciato a produrre bambole sessuali con le fattezze di bambine, anche di soli 5 anni di età.

Bambole per pedofili: quali gli effetti?

Secondo Takagi queste possono prevenire i pedofili dall’abusare bambini veri. “Dovremmo accettare il fatto che non possiamo cambiare  gli istinti feticisti di alcuni. Io aiuto alcune persone ad esprimere i loro desideri legalmente ed eticamente. Non vale la pena vivere con desideri repressi “. 

Ormai sono più di dieci anni che la sua compagnia invia bambole anatomicamente adattate a uomini con istinti pedofili e le invia praticamente in tutto il mondo.

In realtà esistono diversi trattamenti contro la pedofilia come le terapia comportamentale cognitiva e la castrazione chimica, insieme ad altri interventi che possono sopprimere questi istinti. Nonostante questi metodi vengano ampiamente usati una recente meta analisi della Mayo Clinic sottolinea che questi non sempre cambiano gli orientamenti sessuali di queste persone verso i bambini.

Inoltre tra le persone che hanno già molestato i bambini c’è una percentuale di recidivi del 10 fino al 50%.

“Ricevo spesso lettere dai miei acquirenti. In queste lettere si legge: “grazie alle tue bambole possono continuare a non commettere un crimine” risponde Takagi.

Ad ogni modo non ci sono studi che possano avvalorare le affermazioni di Takagi.

Secondo Peter Fagan,  medico della John Hopkins School of Medicine, queste bambole avrebbero effetti rafforzanti sulle fantasie dei pedofili.

Michael Seto dell’Università di Toronto, lascia però uno spiraglio aperto. Secondo lui i pedofili non sono tutti uguali: per alcuni pedofili l’accesso a pornografia infantile e bambole sessuali può essere un modo per sfogare i bisogni, per altri può aggravare la frustrazione.

Secondo Takagi invece, mentre molti uomini acquistano le bambole solo per scopi sessuali, col passare del tempo alcuni cambiano idea, cominciano ad occuparsene come se fossero le loro figlie.

Non tutti però la pensano come lui. Alcuni utenti twitter, dopo aver letto la notizia, hanno scritto:

state dicendo che va bene se è un problema che riguarda le bambole, ma cosa succede quando vogliono un bimbo vero?”

questo tipo di comportamento non dovrebbe essere incoraggiato o assistito, le persone sessualmente attratte dai bambini sono malate”.

Unimamme e voi cosa ne pensate? Credete davvero che così si possano aiutare i pedofili o si peggiora la situazione?

Noi vi lasciamo con alcune indicazioni per proteggere i bambini dai predatori sessuali.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta