Le merendine non provocano l’obesità infantile: uno studio spiega perché

Una nuova ricerca “assolve” le merendine come responsabili dell’obesità infantile. Ecco come.

obesità infantileSolitamente si incolpano le merendine per l’obesità infantile ma un recente studio le “assolve” chiamando in causa i veri responsabili.

Da una ricerca che ha preso in considerazione:

  • alimentazione
  • sport
  • sovrappeso

Obesità infantile: chi sono i veri responsabili?

è emerso che dietro ai chili di troppo nei bambini non ci sono i dolciumi, ma:

  • basso consumo di frutta e verdura
  • scarsa attività fisica

L’indagine portata avanti da Okkio alla salute ha fatto emergere un quadro preciso legato al problema del sovrappeso e dell’obesità infantile.

  • nelle regioni del Nord, dove i livelli di obesità tra 7 e 10 anni sono più bassi (24,7%) ci sono livelli più alti di consumo di merendine (2,2 kg. pro capite annui)
  • al Centro ci sono livelli medi di entrambi gli indicatori (30,6% di sovrappeso) e 2,1kg. pro capite
  • al Sud e nelle Isole l’indice di sovrappeso e obesità è del 37,8% (+25% media nazionale), mentre i consumi di merendine scendono a 1,6 kg. pro capite annui (-20% della media nazionale e – 27% rispetto al nord)

Dall’analisi del dati emerge che:

  • il miglior rapporto tra sovrappeso e consumo di prodotti da forno è rappresentato dalla Lombardia (obesità/sovrappeso 24%), il consumo di prodotti da forno arriva a 2,56 kg. pro capite
  • Valle d’Aosta, Veneto e Piemonte hanno livelli di consumo di merendine superiori alla media nazionale (2 kg. a testa l’anno) hanno i livelli di sovrappeso e obesità infantile più bassi (il sovrappeso tra il 14-18%) (i bimbi obesi invece sono il 3-6%)
  • La Campania ha i livelli di sovrappeso/ obesità più alti: il 47,8% del campione. Il 28,6% di bambini è in sovrappeso, il 13,7% obeso e il 5,5% gravemente obeso, questo a fronte dei consumi più bassi di tutti (1,34 kg. pro capite) di merendine

Come accennato, sul banco degli imputati, l’accusato principale è la mancanza di attività sportiva.

Firma: Maria Sole Bosaia

1 di 2

Notizie Correlate

Commenta