Lei bella, lui intelligente: i genitori li vogliono così

Dalle ricerche su Google emergono i diversi desideri dei genitori per figli maschi e figlie femmine.

Fratello e sorella in posa

Tutti i genitori vogliono il massimo per i loro figli; peccato però che il tipo di successo desiderato potrebbe cambiare a seconda del genere sessuale del piccolo in questione.  Un nuovo studio infatti  mostra come le ricerche effettuate su Google dai genitori per questioni riguardanti i figli, siano diverse a seconda che i pargoli siano maschi o femmine.

La ricerca mostra in maniera oserei dire abbastanza inquietante come i genitori in linea di massima tendano a domandare se i figli maschi siano abbastanza intelligenti e se le femmine siano abbastanza belle. La differenza tra le due ‘linee di pensiero’ non è piccola: dallo studio risulta infatti che ci sono in proporzione

  • il 123% in più di ricerche in cui si chiede ‘mio figlio è un genio?,
  • così come il 78% delle ricerche  riguardano una presunta superiorità intellettiva dei maschi.

Se si parla di femmine invece

  • il 56% delle persone chiede se la prole sia abbastanza di bell’aspetto,
  • mentre in proporzione il 160% in più chiede se la figlia sia brutta.

Lo studio inoltre ha messo a paragone le statistiche delle ricerche con i dati riguardanti la vita reale:

  • ebbene, mentre il 41% in più delle ricerche sul sovrappeso riguarda le bambine,
  • ad esplodere nei pantaloni sono invece in proporzione il 9% in più dei bambini.

Lo stesso vale per l’intelligenza:

  • c’è un 60% in più di ricerche per scoprire se il pargolo maschio sia un talento,
  • mentre a meritarsi posti nei programmi speciali per bambini dotati sono l’11% in più delle bambine.

Cari genitori, perchè invece di lobotomizzarvi con ricerche inutili davanti al pc, non passate più tempo nella vita reale con i vostri figli? Osservando loro e non lo schermo del tablet, avrete tutte le risposte che cercate.

Facile, no? 🙂

E voi unimamme, siete d’accordo?

 

Firma: Paola Giglio

Notizie Correlate

Commenta