Partorire con meno dolore e meno rischi di depressione grazie a un corso

L’importanza della mindfulness durante il travaglio e il parto può aiutare a non avere paura della nascita e a non incappare nella depressione.

Molte madri che aspettano si preoccupano del dolore fisico che accompagna il travaglio e il parto.

Nuove ricerche suggeriscono che includere le competenze di “mindfulness” – ovvero di consapevolezza –  nell’educazione al parto può aiutare le madri a far fronte alle loro paure.

Ciò è possibile grazie a corsi che insegnano tecniche di concentrazione.

Perché la consapevolezza aiuta durante il parto e dopo?

Lo studio, pubblicato nella rivista BMC Pregnancy and Childbirth , indica anche che una maggiore consapevolezza possa contribuire a diminuire i sintomi delle donne durante il parto e nella depressione prenatale e postpartum.

La mindfulness, definita come la consapevolezza che sorge dal prestare attenzione nel momento presente (concentrazione) ha dimostrato di aiutare a gestire il dolore cronico, la depressione e l’ansia. Questo studio  è uno dei primi a studiare come queste abilità possano essere di grande beneficio durante la gravidanza.

La paura dell’ignoto colpisce tutti e questo può essere particolarmente vero per le donne in gravidanza” ha affermato Larissa Duncan, ricercatore principale nello studio e  professore associato di studi familiari presso l’Università di Wisconsin-Madison.

Lo studio ha incluso 30 future mamme primipare nel terzo trimestre di gravidanza.

Ogni donna ha completato una serie di questionari:

  • uno prima che lo studio fosse iniziato,
  • un altro dopo aver completato il corso
  • e quello finale dopo la nascita.

Molte delle partecipanti hanno espresso preoccupazione per il dolore del parto, mentre altre avevano paura della depressione postpartum.

Mi preoccupa che qualcosa possa andare storto durante il parto e il travaglio”, ha scritto un partecipante all’inizio dello studio. “Ho letto libri, ma mi spaventano. Ho paura del dolore e l’ignoto è spaventoso.

Uno studio precedente ha mostrato che le primipare che temono il parto hanno più probabilità di avere un travaglio più lungo – in media 47 minuti di tempo – rispetto a donne che non lo temono.

Mentre molte donne prendono lezioni per poter arrivare preparate alla nascita, molti di questi corsi non insegnano competenze per affrontare l’ansia del parto, anzi possono peggiorarla.

Curioso di sapere se le competenze di “consapevolezza” potessero aiutare le donne a gestire queste ansie, il dottor Duncan e i suoi colleghi hanno casualmente assegnato alla metà delle partecipanti un seminario di mindfulness chiamato “la mente nel travaglio“. Le altre sono stati assegnati a corsi pre-parto tradizionali.

Durante il corso, alle donne è stato insegnato come applicare il linguaggio della consapevolezza al processo di parto, compreso il modo di usare la concentrazione per far fronte al dolore e alla paura durante il travaglio.

Chi assiste al parto impara anche a fornire il sostegno necessario utilizzando delle tecniche di concentrazione.

Insegno alle donne e, naturalmente, ai loro partner, che le contrazioni dolorose del travaglio vanno e vengono, momento per momento, e che tra le contrazioni ci sono momenti di calma e di facilità“, ha detto Nancy Bardacke, insegnante di infermiera e ostetricia al Centro Osher per la Medicina Integrata dell’Università della California, San Francisco, Medical Center.

Dice che la chiave per gestire i propri timori è imparare a rimanere ancorati al momento presente, senza preoccuparsi del passato o del futuro.

Per insegnare questa abilità, Bardacke chiede ai partecipanti di tenere i cubi di ghiaccio nelle loro mani, prestando attenzione al loro respiro, permettendo loro di sperimentare la natura temporanea delle sensazioni fisiche spiacevoli.

Inoltre li ha introdotti a pratiche di meditazione di consapevolezza di base, come lo yoga e la meditazione.

Dopo aver frequentato la classe, le partecipanti allo studio hanno detto di sentirsi più preparati per il parto imminente e che avevano meno probabilità di usare farmaci per il dolore durante il travaglio.

Queste donne inoltre hanno avuto punteggi più bassi di sintomi di depressione prenatale e postpartum rispetto a quelli che hanno partecipato a corsi pre parto tradizionali.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con la consapevolezza sia importante anche nel  tenere i bambini in braccio. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta