“L’uomo che non è mia madre”: il mondo visto da un bebè

Isaac Bloom, un simpatico papà di una bimba di 4 mesi tiene un blog in cui scrive mettendosi nei panni della figlia. Il risultato è esilarante.

tumblr papà con figlia

Anche i papà, se adeguatamente stimolati, sono capaci di improvvisarsi blogger sopraffini.

Ne è un esempio Isac Bloom,

che si è messo nei panni della figlioletta di 4 mesi alle prese con il genitore che non può fornirle direttamente il latte e che fa quel che può per “contrastarla”.

Si tratta di un esperimento che ricorda il film anni 80′: Senti chi parla in cui un bimbo di pochi mesi parlava come un adulto.

Ecco qualche estratto di questo ironico papà.

Il mio controllo e i miei poteri si espandono di giorno in giorno, mentre le mie tattiche cominciano a pagare un tributo. Ogni giorno afferro con maggior precisione quegli anelli infernali con cui quell’uomo che non è mia madre mi schernisce dal mio edificio colorato. La mia abilità vocale potrebbe uccidere un uccellino a 30 passi di distanza. La mia rinnovata campagna di interruzione e privazione del sonno ha colpito l’uomo che non è mia madre nella sua essenza vitale. Purtroppo ne ha risentito anche mia madre. Ogni piano ha i suoi danni collaterali!“.

Bloom ha spiegato così il suo simpatico progetto: “se fossi negli strani panni di mia figlia, che cosa penserei?”.

Nella storia narrata, lui riveste il ruolo del “cattivo” a cui è stata affidata la custodia di Adeline quando la mamma è dovuta tornare al lavoro.

La piccola Adeline si esprime senza peli sulla lingua su qualsiasi cosa: dalla moda, ai giochi per bambini, passando per le letture per l’infanzia.

Nulla sfugge al suo sarcastico scrutigno. Il risultato è esilarante, leggete un po’:

l’uomo che non è mia madre possiede il senso sartoriale di un rinoceronte daltonico, con lampi occasionali di brillante convergenza, l’equivalente visivo di un migliaio di scimmie e un migliaio di macchine da scrivere“.

Oppure sui giochi:

intorno alla mia persona proliferano piccole congregazioni di dispositivi intelligenti e strumenti, ognuno decorato con campane, sonagli, pezzi di carta che sbatacchiano qua e là, parti di abiti di cui non si conosce l’uso o l’origine. L’uomo che non è mia madre tenta di distrarmi dalle mie attività mentre porta avanti le proprie.

La distrazione è temporanea, in termini di tempo. Sono costretta a sottomettermi all’analisi manuale di ciascun oggetto per la lunghezza del mio campo visivo e spazio disponibile.

Forse lui è più subdolo di quanto pensassi“.

E via così in una girandola di divertentissime osservazioni sul mondo e sul rapporto padri figli visti da un infante di pochi mesi.

E voi unimamme avete mai provato a mettervi nei panni dei vostri piccoli? Chissà cosa direbbero di noi… 🙂

 

 

 

 

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta