Nuovi sogni crescono: mamma da grande cucino io!

22 bambini su 100, sotto i 10 anni, sognano di fare lo chef da grande. Con buona pace di professioni come il pompiere, il poliziotto o l’astronauta, ormai proprio demodé.

Ben il 22% dei bambini italiani vuole fare lo chef.

Bambina vestita da chef mentre porta un vassoio con dolci

Questo uno dei risultati della ricerca effettuata dalla De Agostini Publishing

. L’azienda, incaricata di aggiornare la collezione del villaggio dei Puffi, ha fatto un’indagine sui sogni dei bambini sotto i 10 anni.

Ammetto subito il mio peccato originale: non ho visto Masterchef e quindi, oltre ad essere tagliata fuori da molte conversazioni, non condivido la passione di molti telespettatori e telespettatrici: le ricette in tv. Mi piace quando posso scoprire nuovi sapori e nuovi locali, ma dopo un po’ la cucina in tv mi annoia.

Detto questo, mi chiedo quanto abbia influito sui sogni di bambini al di sotto dei 10 anni, questa moda della cucina in tv?
Da qualche anno sembra che l’etere italiano sia invaso da sughi, stracotti, dolci e insalate condite possibilmente nel modo più “creativo” possibile.

Personalmente trovo utile una ricetta che mi aiuti a preparare la cena che devo ancora fare alle 19 e 30 passate, ma perché tanto interesse nella cucina oggi?

Forse in un momento di crisi economica l’aspirazione al lusso si è spostata dal cosa comprare e al cosa mangiare.

Forse il fatto che si esca meno, porta a curare di più una cena fatta a casa con amici.

Comunque sia, questa moda ha contagiato i bambini. Ho personalmente sentito molti bambini sottoposti  alla classica domanda “che vuoi fare da grande?”, rispondere sicuri e sorridenti “lo  chef!”.  Chef e non cuoco, come se il nome francese fosse già di per sé una promozione sul campo.

Parlando con chi il cuoco lo fa di professione, non posso che condividere l’amarezza e di chi vede il proprio mestiere spesso deformato dalla lente del successo e della televisione. Perché la verità è che  fare il cuoco è faticoso: anni e anni di gavetta, turni massacranti, imparare a selezionare gli ingredienti. Ma fatto sta che il cappello dello chef bianco candido ha il suo innegabile fascino su grandi e piccini.

Continuando a guardare la classifica notiamo inoltre che il sogno di cucinare appartiene soprattutto ai bambini maschi, mentre le femmine preferiscono ballare…

Che sia anche un effetto dovuto a vedere la propria mamma che si cimenta ai fornelli?!

Firma: Claudia Lauricella

Notizie Correlate

Commenta