Mamma racconta la nascita della sua bambina arcobaleno dopo un aborto (FOTO)

Una mamma racconta la sua storia di perdita e di rinascita dopo aver avuto un aborto tubarico. E’ riuscita infatti ad avere la sua terza figlia.

Qualche tempo fa ho scritto del mio aborto tubarico. E’ stata un’esperienza davvero difficile, anche se per fortuna si è risolta nel migliore dei modi: non ho dovuto essere operata e ho salvato la tuba. Chi non ci passa non sa cosa si prova, è difficile da spiegare.

Tu sei in lutto, per gli altri eri solo di 6 settimane, una specie di ritardo mestruale. Per questo la storia di Lila, una donna che esattamente come me ha avuto un aborto alla terza gravidanza, mi rincuora moltissimo.

Le bellissime immagini della una nascita di un bambino arcobaleno dopo un aborto tubarico

Lila si è accorta di essere rimasta incinta nel dicembre 2015: si trattava della sua terza gravidanza ed era molto felice. Però poi due settimane dopo ha cominciato a sentire un forte dolore alla pancia: è andata al pronto soccorso e hanno scoperto che la gravidanza era extrauterina: invece di crescere nell’utero, l’embrione si è impiantato nella tuba, che nel frattempo è scoppiata e le ha causato un’emorragia interna. Di corsa è stata operata e le è stata tolta la tuba ormai compromessa.

Ecco allora il racconto di Lila del suo terzo parto, fotografato da Laura Fifield:

Questa gravidanza completamente cambiato la mia prospettiva sulla gravidanza in generale. Con i miei figli più grandi, non ho avuto alcuna complicazione. Questa è stato molto, molto diversa. Ero piena di paura. La fede è una cosa enorme per me, e mi sono aggrappata alla mia fede: avrei avuto  ancora una volta un bambino sano. Ho pregato e pregato.”

Sono il tipo di persona che, al momento in cui vedo il test di gravidanza positivo, inizia a chiedersi chi sia questa persona sta per venire al mondo e come sarà. Ecco perché l’aborto tubarico è così devastante. Ero già attaccata”

“L’intera esperienza mi ha cambiato. Abbraccio i miei figli più.  So quanto sia fragile la vita. Ero una giovane, persona sana e ho dovuto affrontare il pericolo di vita: da un punto di vista medico, il mio addome si stava riempiendo di sangue. Mi ricordo, [quando la tuba è scoppiata], che hanno detto, ‘Non ti preoccupare, ritornerai a casa dalla vostre ragazze’ E non riuscivo a crederci. Ero un po ‘come, ‘Beh, ovviamente!’”

Una delle cose più difficili per me è stata che abbiamo dovuto aspettare almeno tre mesi prima di poter iniziare a provare ancora una volta [dopo la gravidanza tubarica]. Mio marito era davvero spaventato. Ha quasi perso la moglie. In un certo senso era più facile per me. Voglio dire, stavo sanguinando internamente, così ho perso coscienza. Doveva stare lì e aspettare in sala d’attesa mentre io stavo facendo un intervento chirurgico per salvarmi la  vita, non riesco a immaginare che cosa gli passasse per la mente.”

E ‘stata una tale sensazione incredibile, una volta che mia figlia vicina. Tutto questo preoccupazione è andata via“.

Non posso descrivere il momento in cui mi hanno detto che era qui e io ho allungato la mano e l’ho presaEra così incredibile per me essere  una parte del processo. Invece di darmela un medico –  come con i miei altri bambini – l’ho tirata al petto io stessa. Ricordo che continuavo a dire, ‘Lei è qui! Lei è qui!’

E ‘il nostro ultimo bambino, e mi sento un enorme quantità di chiusura. Spero che attraverso la condivisione della nostra storia, che Laura ha catturato in modo perfetto, possiamo aiutare gli altri. Mi auguro che incoraggi anche solo una donna di sapere che anche se è molto, molto difficile da sperimentare la perdita, va bene per essere sostenuta da quella fede “.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta