Mamma ha trascorso 14 giorni con la figlia morta portandola anche a spasso

Una mamma inglese ha voluto raccontare con foto i giorni passati insieme alla figlia morta dopo la nascita.

Photo: Mercury Press and Media Ltd

Charlotte Szakacs e suo marito Attila, sposati dal 2015, avevano provato ad avere un bambino per circa un anno, fino a quando lei ha scoperto di aspettare un bimbo il 21 aprile 2016, giorno del suo compleanno. Purtroppo alla 20esima settimana di gestazione è stato scoperto che la loro figlia Evlyn aveva un’anomalia cromosomica che le avrebbe impedito di camminare, sentire, parlare e che le avrebbe portato danni neurologici permanenti. La piccolina è nata il 13 dicembre e nonostante la lotta di 4 settimane si è spenta il 10 gennaio.

Mamma ha trascorso 14 giorni con la figlia morta dopo la nascita

Charlotte e Attila dall’ospedale sono stati poi in un hospice, una struttura dedicata per malati terminali, e qui sono rimasti per 12 giorni durante i quali Evlyn è stata messa in una culla refrigerata. In questo hospice i genitori hanno potuto portarla fuori per qualche passeggiata prima di tenerla a casa quattro giorni prima del suo funerale, avvenuto il 26 gennaio.

La coppia ha voluto testimoniare questi giorni in cui ha vissuto con la propria figlia deceduta con una serie di foto che ovviamente hanno fatto scalpore.

Photo: Mercury Press and Media Ltd

Molte persone non hanno mai sentito di genitori in grado di passare quel tempo con i loro bambini e altre mamme mi hanno contattato per dirmi che pensavano che ciò le avrebbe aiutate, quindi voglio aumentare la consapevolezza” ha detto la donna.

So che potrebbe non essere la soluzione migliore per tutti, ma per noi era importante avere del tempo insieme come una famiglia, fare delle cose come quelle che ti immagini, ad esempio metterla nella carrozzina” ha aggiunto al Mirror.

Photo: Mercury Press and Media Ltd

All’inizio la giovane mamma non voleva portare via la bambina dall’ospedale, ma poi si è resa conto che poteva essere la soluzione migliore: “non volevamo che morisse attaccata ad un respiratore” ha dichiarato.

Quindi dopo una settimana hanno accettato di lasciarla morire in un hospice, dove i genitori l’hanno potuta coccolare prima che il ventilatore le fosse staccato.

Charlotte aveva avuto una gravidanza normale fino a che, alla 20esima settimana, i medici si sono accorti che qualcosa non andava, visto che il cervello del bambino non si era adeguatamente sviluppato.

La donna è stata sottoposta ad ecografie ogni due settimane, fino a che è stata sottoposta ad un cesareo alla 37esima settimana perché il sangue della placenta non era sufficiente. Quando la bambina è nata è stata messa in incubatrice e la mamma non ha potuto vederla per 7 ore.

Può sembrare una scelta inusuale quella di Charlotte e di suo marito, ma Dr Clea Harmer, direttore del reparto morte perinatale e neonatale ha detto: “Una culla refrigerata ha consentito ai genitori di Evlyn di passare del tempo con la loro figlia dopo che è morta e alcuni genitori ci hanno detto che spendere del tempo in più con i loro bambini a casa o in ospedale potrebbe aiutarli nell’accettare il lutto“.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta