Maternità: in Italia 1 ospedale su 4 è sotto la soglia di sicurezza per i parti

Secondo l’ultimo rapporto Esiti 2014 1/4 degli ospedali italiani è sotto la soglia di sicurezza per quanto riguarda la maternità.

maternita_all_ospedale

Unimamme, qualche giorno fa è stato presentato il rapporto Esiti 2014 che valuta la qualità e l’efficacia delle cure degli ospedali italiani, con esiti non proprio rosei soprattutto se si parla di maternità.

Dall’analisi dei dati è emerso che in Italia ci sono 133 strutture ospedaliere, su un campione di 521 che si trovano sotto la soglia minima di 500 parti l’anno e che non rispettano quindi i parametri ministeriali.

I centri con un numero maggiore di nascite garantiscono migliori risultati per mamme e bambini, questo è ormai è assodato, dunque che ci sia un così gran numero di ospedali che non rispetta la soglia minima è piuttosto preoccupante.

Sotto la soglia di sicurezza quindi spiccano, in modo particolare:

  1. Campania
  2. Sicilia
  3. Lazio

Parto cesareo

parti cesarei


Forse saprete già che l’Italia è il paese europeo in cui si effettuano più tagli cesarei e dunque vi rincuorerà un po’ sapere che la percentuale di cesarei è diminuita passando dal 29% del 2008 al 26% del 2013. Secondo il regolamento:

  1. il 25% è la quota massima di parti cesarei primari per la maternità con più di 1000 parti
  2. il 15% per la maternità con meno di 1000 parti.

Esistono però notevoli differenze tra le regioni che variano da un minimo del 4% a un massimo del 93%.

grafico

Mentre nel 2008 tutte le regioni del Sud avevano valori al di sopra della media nazionale, nel 2013, Basilicata, Calabria e Sicilia si avvicinano alla media nazionale. Il divario tra Nord e Sud però rimane alto:

  1. nelle regioni del Nord i valori medi sono intorno al 20%
  2. nelle regioni del Sud i valori arrivano al 40%, in Campania addirittura il 50%

Unimamme, leggendo questi risultati sulla nostra sanità che impressione ne avete avuto? Secondo voi perché nelle regioni del Sud si praticano così tanti cesarei?

Dite la vostra se vi va.

 

(Fonte: Agenas)

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta