Il momento più bello della vita di un bambino? Rispondono i genitori

Il momento più bello della vita di un neonato è un periodo preciso: a dirlo una ricerca inglese su 2000 genitori.

cervello dei neonati

Quando si diventa genitori di solito la vita viene capovolta: si tratta di una grande rivoluzione, una sorta di anno 0 per tutti, sia per mamma e papà sia per il neonato che impara a stare al mondo.

Qual è il momento preferito della vita di un bambino da parte dei genitori? Secondo una ricerca piacciono diversi periodi dello sviluppo durante il primo anno, ma ce n’è uno in particolare.

Il momento più bello della vita di un bambino: le risposte dei genitori

La prima settimana dopo la nascita di un bambino è la parte che i genitori si godono di più, ma è anche la più dura, secondo uno studio condotto tra mamme e papà.

I ricercatori hanno scoperto che alle coppie piace la gioia sfrenata di portare un nuovo bambino nel mondo rendendo i primi giorni del neonato molto eccitanti. Eppure le notti insonni e la grande fatica lasciano molte madri e padri molto stanchi, in una sorta di esaurimento.

Lo studio sulla genitorialità condotto dal sito ChannelMum.com  ha anche scoperto degli altri momenti preferiti, come:

  • i 6/7 mesi, quando i bambini iniziano a sedersi da soli
  • i 5 mesi, quando iniziano a “chiacchierare”
  • gli 11/12 mesi, quando iniziano a camminare

I genitori amano anche i primi due mesi del bambino, quando è ancora un neonato e i 3/4 mesi quando iniziano a rispondere ai volti famigliari.

Cathy Ranson, redattrice di ChannelMum.com , ha dichiarato: Nessuno dice che le cose siano semplici durante il primo anno di vita di un bambino”. “Non si può negare che il primo anno possa essere incredibilmente pesante, soprattutto per le mamme e i papà che lo sono per la prima volta: si tratta di uno shock anche per i genitori più preparati”. 

Eppure gli alti superano i bassi e il senso di amore e di successo ottenuti guardando la crescita del tuo bambino e vederlo cambiare di giorno in giorno è una delle sensazioni più belle al mondo. Così se state un po’ male, tenete a mente che andrà meglio e che ricorderete molto di più i momenti belli rispetto a quelli pesanti”. 

Parlando invece dei momenti più difficili, le mamme indicano:

  • la prima settimana,
  • e poi gli 11/12 mesi quando devono tornare al lavoro e il loro bambino è ancora piccolo.

Un’altra tappa molto difficile è dai 6 ai 9 mesi quando parecchi bimbi si svegliano diverse volte durante la notte perché cominciano a mettere i denti e quando cominciano a mettere in bocca qualsiasi cosa.

Le settimane difficili superate dagli aspetti positivi della genitorialità:

  • sette su dieci (71%) dicono che “incontrare il mio bambino alla nascita” è un momento magico
  • seguito da “ascoltare la mia risata” (59%)
  • vedere il sorriso del mio bambino (57%).

La mancanza di sonno è stata invece la più grossa fatica, sperimentata da due terzi (65%) dei genitori. Altre difficoltà sono:

  • più di un quarto (28%) ha detto di lottare per il fatto che “il mio bambino è così dipendente da me”
  • per il 27% è stato uno choc diventare genitore.
  • uno su cinque è dispiaciuto di essere “bloccato in casa”
  • uno su nove (11%) ha detto che la genitorialità ha significato che si è rivolto di più al proprio partner .

Lo studio su  2,204 genitori ha anche rivelato l’entità della interferenza familiare nel primo anno della vita di un bambino:

  • più della metà delle madri e dei papà (54%) ammette che le loro famiglie hanno dato consigli indesiderati o hanno cercato di cambiare stile parentale nel primo anno. 
  • l’interferenza è peggiore tra le due settimane a sei settimane, poi di nuovo da 11 a 12 mesi.
  • i commenti peggiori sono delle suocere per il 69% he dicevano che tipo di comportamento assumere; segue la madre (33%)
  • uno su cinque ha anche ricevuto consigli indesiderati da amici senza figli
  • la causa principale degli argomenti era che i nuovi genitori erano accusati di “rovinare il bambino” (42%) seguito da opinioni sulla routine (40%).

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla del fatto che i genitori perdono circa 44 giorni di sonno durante il primo anno di vita del bambino. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta