I neonati vanno svegliati per essere allattati? La risposta degli esperti

Consigli di alcuni esperti di allattamento sullo svegliare o meno i neonati per farli mangiare.

mamma allatta

Unimamme improvvisamente travolte da poppate, pannolini e pianti di neonati, magari vi starete interrogando se svegliare o meno i vostri piccoli finalmente dormienti per allattarli.

Il quesito, non ne dubitiamo, è molto sentito, soprattutto perché gli esperti non sono uniti circa i suggerimenti.

Leigh Anne O’Connor, consulente per l’allattamento, sostiene che non sia necessario svegliare un bambino per la poppata se si tratta di un bebè nato a termine e che sta crescendo bene.

Inizialmente infatti i piccoli lottano per riuscire ad attaccarsi bene e magari anche le mamme devono attendere qualche giorno perché il latte arrivi.

Come risultato i bambini perdono un po’ di peso dopo essere tornati a casa dall’ospedale. Secondo la O’Connor questo è il motivo per cui molti esperti consigliano di svegliare il neonato per le poppate.

L’infermiera e consulente per l’allattamento Cindy Leclerc ha invece un’opinione diversa. Secondo lei bisognerebbe svegliare il piccolo per alimentarlo ogni 2 o 3 ore nel corso della giornata e ogni 3 o 4 ore di notte finché il bimbo non è tornato al suo peso di nascita.

Se poi si tratta di piccoli prematuri o neonati che hanno malattie bisognerebbe essere ancora più vigili e attenti.

Un altro, eventuale, campanello di allarme per mamma e figlio dovrebbe essere quello in cui si è affrontato un vero intervento chirurgico durante o dopo il parto.

La consulente per l’allattamento  Tina Castellanos sottolinea che i piccoli che sono stati sedati dovrebbero essere svegliati ogni 3 ore per l’alimentazioneCastellanos ritiene che questo procedimento sia molto importante  soprattutto nelle prime settimane di vita.

I neonati quindi dovrebbero mangiare 8 volte al giorno con un intervallo di 3 ore tra un pasto e l’altro.

Inoltre vi è da considerare che un piccolo il cui sonno è stato interrotto può essere irritabile al suo risveglio. In questo caso il consiglio è di metterlo a contatto pelle a pelle con la mamma, così da potergli dare conforto e una stimolazione per poppare. Se poi il piccolo si distrae durante la poppata provate a fargli il solletico ai piedini.

Ad ogni modo, in caso di dubbi dovete tenere d’occhio il numero di pannolini sporchi per vedere se il piccolo sta mangiando abbastanza.

Secondo la O’Connor il primo giorno dovrebbe esserci almeno un movimento intestinale, il secondo giorno 2, il terzo 3 e poi via via 3-4 fino a 3-6 pannolini bagnati al giorno.

Infine, considerate di pesare il bambino per controllarne il peso.

E voi unimamme avete mai avuto problemi con le poppate dei vostri piccoli, magari quelle a grappolo?

Dite la vostra se vi va.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta