Nomi, significati e onomastici: oggi si festeggia Domenico

Oggi si festeggia Domenico: scopriamo insieme le origini e il significato di questo nome davvero speciale.

Care unimamme, il vostro bambino sta per nascere e non avete ancora scelto un nome? Sperate che il vostro bambino, da adulto, sia una persone dolce e gentile, sportivo e sempre in movimento?

Allora Domenico, che si festeggia oggi, è quello che fa per voi.

Di derivazione latina, significa “consacrato al Signore”. Il nome si diffuse soprattutto in epoca cristiana e successivamente fu usato anche per indicare i bambini nati la domenica.

Chi si chiama Domenico vive in funzione

  • dell‘amore
  • dell’amicizia
  • della professione
  • degli ideali
  • dei sogni.

Inoltre, è  uno sportivo nato, in particolare ama la

  • corsa
  • la pallavolo
  • la pallacanestro
  • il nuoto.

Trascorre la maggior parte del tempo negli ambienti sportivi e tra i libri perchè ha una fame di conoscenza incessante.

Le varianti maschili sono:

  • Domenichino
  • Mimmo
  • Mingo

Al femminile, invece, abbiamo:

  • Domenica
  • Mimma

I simboli associati al nome sono:

  • numero fortunato: 8
  • colore: verde
  • pietra: smeraldo
  • metallo: mercurio

Per quanto riguarda il santo, il 20 dicembre si festeggia San Domenico di Silos, abate del monastero di Santo Domingo de Silos. Da ragazzo fu un pastore. In seguito entrò in una comunità monastica benedettina a San Millán de la Cogolla. Divenuto abate di quella comunità si scontrò con il re navarro Garcia III che intendeva incamerare i beni dell’abbazia.

Successivamente si spostò in Castiglia sotto la protezione di Ferdinando I che gli chiese di riportare all’antico splendore il monastero di San Sebastián de Silos del VII secolo, allora in rovina. Il monastero tornò a fiorire diventando un centro di cultura, carità e religiosità.

Domenico di Silos morì in questo centro monastico, dove tuttora si trovano le sue spoglie, e che in seguito prese il suo nome.

Poco più di un secolo dopo la madre di Domenico di Guzmán, Giovanna d’Aza, venne a pregare sulla sua tomba per il nascituro. Esaudita volle dare al figlio il nome del santo in ringraziamento. Era tradizione che quando una regina di Spagna aveva una gravidanza, l’abate di Silos le portasse la staffa di San Domenico, che veniva posta accanto al suo letto fino al giorno del parto, per propiziare la nascita.

Da allora, San Domenico di Silos viene invocato dalle donne in dolce attesa, durante il travaglio.

Negli anni scorsi i monaci benedettini di San Domenico di Silos sono diventati famosi per l’exploit di vendite dei loro cd di canti gregoriani.

Allora, ne sapete abbastanza per chiamare il vostro cucciolo Domenico?

Firma: Stella Dibenedetto

Notizie Correlate

Commenta