Nomi, significati e onomastici: oggi si festeggia Melita

Melita o Melitina, un nome particolare per una bambina che sappia distinguersi. Ecco significato, onomastico e curiosità.

Lettera M in legno su rotelle

Si dice che i nomi siano una sorta di impronta indelebile sul destino di un essere umano. “Nomen omen” solevano dire non a caso i latini, ovvero “un nome un destino”, frase che certo getta un certo peso sulle spalle dei genitori che si accingono a scegliere un nome per il proprio cucciolo.

Una simile missione non si può che svolgere seguendo il proprio cuore ma, nonostante ciò, anche un pizzico di informazione potrebbe tornare utile. Ecco perché ci accingiamo anche oggi a suggerirvi un nome che potrebbe indirizzare il destino della vostra bambina verso una vita senza dubbio sopra le righe.

Come potrebbe del resto essere altrimenti con un nome come Melita? Derivante direttamente dal latino, questo nome significa “dolce come il miele”: sensuale dunque, ma al tempo stesso traboccante amore, Melita è senza dubbio un nome che si pregia ancora oggi di una certa rarità capace di rendere unica la persona che lo porta.

Alcuni lo interpretano come abbreviazione del nome Carmelita, mentre altri lo pongono come alternativa all’ancor più dolce Melitina. C’è anche chi, cercando origini ancor più remote, lo fa derivare dal greco “meli”, “melissa” ovvero “ape”, mantenendo comunque la connessione con la dolcezza del miele.

A prescindere dalle origini il nome Melita, con il suo carico di “zuccherosa unicità” vanta anche portafortuna speciali:

  • Numero fortunato: 8
  • Colore: Rosso
  • Pietra: Rubino
  • Metallo: Rame

Ma con un nome così speciale ci sarà anche un protettore celeste? Assolutamente sì. Proprio oggi, 15 settembre, si festeggia infatti Santa Melitina, martire in Tracia. Donna dalla forte tempra e fede incrollabile, Melitina distrusse gli idoli di Apollo ed Eracle e convertì molti pagani alla fede nell’unico Dio. La tenacia costò però cara alla donna: Antioco, governatore di Marcianopoli, pur di farla ricredere circa la sua fede, ne ordinò la tortura, quindi fu consegnata a delle donne per convincerla con lusinghe e gentilezze. Ma fu qui che la vergine mostrò tutta la sua fermezza: non acconsentì all’inganno e, per dono divino, convertì le donne del governatore al Cristianesimo. Quando il miracolo fu reso noto, Melitina fu sottoposta a processo e condannata alla decapitazione.

Un destino amaro dunque ma che certo testimonia grande coraggio: non ne vorreste donare un po’ anche alla vostra bambina?

Firma: Francesca Testa

Notizie Correlate

Commenta