Nomi, significati e onomastici: oggi si festeggiano Cosma e Damiano

Cosma e Damiano, due medici che “guarivano” senza farsi pagare. Una rarità!

COSMA E DAMIANO

State pensando di chiamare il vostro bambino con un nome particolare ma anche classico? Allora i nomi che si festeggiano oggi sono quelli che fanno per voi.

Cosma, deriva dal greco Cosimo, e significa “ordinato“, “moderato” e, in senso figurato, “disciplinato“, “decoroso“.

Le varianti sono:

  • Cosmo,
  • Cosmano,
  • Cusmano,
  • Gusmano,
  • Cosmè,
  • Cosimino,
  • Cosmino.

Al femminile:

  • Cosma
  • Cosima.

Il nome Cosimo è diffuso particolarmente in Puglia, per via della devozione ai Santi Medici, ai quali sono dedicati vari santuari (il più famoso è quello di Alberobello), ma è piuttosto diffuso anche a Firenze: è infatti un nome molto comune nella genealogia della famiglia De’ Medici, una delle più note casate principesche nella storia fiorentina.

Come sempre ecco i simboli associati:

  • Numero fortunato: 4
  • Colore: Viola
  • Pietra: Ametista
  • Metallo: Ferro

Damiano, nome maschile. deriva invece dal nome latino Damianus, a sua volta dal greco Δαμιανός (Damianòs), e il significato è incerto:

  • alcune fonti lo riconducono al nome di Damia, una divinità greca della fertilità ed in questo senso, andrebbe tradotto come “devoto a Damia” o “consacrato a Damia“;
  • un’interpretazione diffusa, tuttavia, accosta questo nome al verbo greco che vuol dire “domare”, “sottomettere”, quindi “domatore“;
  • alcune altre ipotesi, infine, lo riconducono anche al termine greco “gente”, “popolo”, quindi “uomo del popolo“.

Le varianti sono:

  • Addamiano
  • Damiana

Ma veniamo ai simboli :

  • Numero fortunato: 1
  • Colore: Rosso
  • Pietra: Rubino
  • Metallo: Oro

Una variante particolare dei due nomi è Cosmano, ottenuto unendo i nomi ed elidendo il “dam” di Damiano. È poco diffuso e c’è anche la versione femminile: Cosmana.

Ma parliamo dell’onomastico che ricorre il 26 settembre. I santi Cosma (o Cosimo) e Damiano, noti anche come santi medici, sono ritenuti dalla tradizione:

  • due gemelli di origine araba,
  • nati nel III secolo,
  • medici in Siria,
  • martiri sotto l’impero di Diocleziano nel 303 d.C.

Questi 2 fratelli erano in grado di operare prodigiose “guarigioni” in maniera completamente gratuita, da qui l’appellativo “Anàrgiri” (dal greco anargyroi, “senza denaro”).

Secondo le scritture agiografiche (insieme cioè delle testimonianze relative alla vita e al culto di un santo), i due erano appartenenti ad una ricca famiglia. Il padre si convertì al Cristianesimo dopo la loro nascita, ma morì durante una persecuzione in Cilicia; mentre la madre, Teodota (o Teodora), da più tempo cristiana, si occupò della loro prima educazione.

Dopo aver appreso l’arte medica nella provincia romana di Siria, praticarono la loro professione in Cilicia, prestando la loro opera con assoluto disinteresse, senza mai chiedere retribuzione alcuna, né in denaro, né di altro genere, sia dai ricchi e sia dai poveri, in applicazione del precetto evangelico: “Gratis accepistis, gratis date“. Uno dei loro più celebri miracoli, tramandati dalla tradizione, fu quello di aver sostituito la gamba ulcerata di un loro paziente con quella di un etiope morto di recente.

In realtà, secondo la tradizione,  in una sola occasione era stata elargita ai santi una ricompensa, di tre uova nelle mani del fratello minore Damiano, da parte di una contadina, Palladia, un’emorroissa (donna che soffre di flussi sanguigni), miracolosamente guarita. Cosma era rimasto tanto deluso e mortificato per quel gesto da esprimere la volontà che le sue spoglie fossero deposte, dopo la morte, lontane da quelle del fratello.

Durante le persecuzioni dei cristiani promosse da Diocleziano furono fatti arrestare dal prefetto di Cilicia, Lisia. e furono sottoposti a un feroce martirio, così atroce che su alcuni martirologi è scritto che essi furono martiri cinque volte. I supplizi subiti da Cosma e Damiano, furono diversi, a seconda delle fonti:

  • secondo alcune furono dapprima lapidati ma le pietre rimbalzarono contro i soldati;
  • secondo altre furono crudelmente fustigati, crocefissi e bersagliati dai dardi, ma le lance rimbalzarono senza riuscire a fare loro del male;
  • altre fonti ancora narrano che furono gettati in mare da un alto dirupo con un macigno appeso al collo, ma i legacci si sciolsero e i fratelli riuscirono a salvarsi;
  • ancora incatenati e messi in una fornace ardente, senza venire bruciati;
  • vennero decapitati, assieme ai loro fratelli più giovani (o discepoli), Antimo, Leonzio ed Euprepio, nella città di Cirro, nei pressi di Antiochia.

Dopo il loro martirio coloro che avevano assistito al macabro spettacolo vollero dare loro degna sepoltura, cercando anche di rispettare la volontà di Cosma circa la separata sepoltura: ciò fu loro impedito da un cammello che, secondo la leggenda, prese voce dicendo che Damiano aveva accettato quella ricompensa solo perché mosso da spirito di carità, onde evitare che quella povera donna potesse sentirsi umiliata dal rifiuto. I presenti diedero dunque sepoltura ai loro corpi deponendoli l’uno a fianco dell’altro.

Il culto dei santi Cosma e Damiano iniziò subito dopo loro la morte, passando dall’Oriente all’Europa, e “si mantenne straordinariamente vivo fino a tutto il Rinascimento, dando luogo a un’iconografia tra le più ricche dell’Occidente, specie in Italia, Francia e Germania”. A più di mille anni dalla loro morte, si dà il nome di uno di loro a quello che poi i fiorentini chiameranno padre della patria: Cosimo de’ Medici il Vecchio. E la casata chiama a illustrare la vita dei due santi guaritori artisti come il Beato Angelico, Filippo Lippi e Sandro Botticelli.

Sono considerati patroni di:

  • Medici,
  • Chirurghi,
  • Farmacisti,
  • dentisti,
  • Parrucchieri

Insomma, sicuramente due santi importanti. E’ abbastanza per farvi scegliere il loro nome? 🙂

Firma: Redazione Universo Mamma

Notizie Correlate

Commenta