Nomi, significati, onomastici: oggi festeggiamo Immacolata e Concetta

Celebriamo oggi una solennità molto importante, ma recente, del culto mariano e facciamo anche gli auguri a chi si chiama Concetta!!!

Care Unimamme, oggi festeggiamo 2 nomi: Immacolata e Concetta, per il semplice fatto che oggi ricorre un’importante solennità cristiana, l’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria.

In relazione al nome Immacolata, il significato è “senza macchia“, “vergine”, “pura” dal latino inmaculata e il nome è diffuso soprattutto al Sud.

Circa i simboli associati al nome:

  • Colore: Verde
  • Pietra: Smeraldo
  • Metallo: Argento
  • Numero fortunato: 7

Concetta invece deriva dal latino “concepta“, concepita. Anch’esso diffuso soprattutto al Sud.

I simboli sono:

  • Colore: Verde
  • Pietra: Topazio
  • Metallo: Ferro
  • Numero fortunato: 9

Il Santo del Giorno

Oggi 8 dicembre si festeggia l’Immacolata Concezione di Maria, dove Immacolata, come abbiamo già detto, significa non macchiata (dal peccato originale) fin dal primo istante del suo concepimento. Per la chiesa Cattolica, ogni essere umano nasce con il peccato originale e solo la Madre di Cristo ne è esente. Secondo il dogma infatti, Maria è stata concepita immacolatamente e secondo la volontà di Dio perché avrebbe dovuto portare nel suo grembo Gesù, Dio fatto uomo, e quindi non avrebbe potuto essere diversamente. Una donna toccata dal peccato non avrebbe potuto concepire Dio, perfezione e purezza.

Tale dogma quindi non va confuso con il concepimento verginale di Gesù da parte di Maria.

Il dogma dell’Immacolata Concezione è stato promulgato da  Pio IX l’8 dicembre 1854, nella Cappella Sistina. In una cappella proprio dedicata all’Immacolata, durante il suo esilio in Gaeta (1849-1851) a causa alla Rivoluzione mazziniana, il Pontefice aveva fatto voto  che qualora avesse ricevuto la grazia del ritorno a Roma e del ripristino dell’ordine cristiano in Europa, avrebbe  impegnato tutto se stesso nella proclamazione del gran dogma mariano. Beato Pio IX disse che sentì tale esigenza come una chiamata interiore ricevuta proprio mentre era assorto in preghiera di fronte all’immagine dell’Immacolata.

Solo dopo 4 anni, in occasione della prima apparizione a a Lourdes, la Vergine si presentò a Bernadette con queste parole: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Un dogma recente nella storia della Chiesa

Secondo il Vangelo, nel passo che descrive l’Annunciazione, l’Angelo saluta Maria con l’appellativo “Piena di Grazia”. Tali parole di saluto sono rivolto solo a chi è nello stato di Grazia e vive totalmente della Vita di Dio, perché immacolato. Nonostante la centralità della figura di Maria nella Chiesa però, il dogma dell’Immacolata Concezione è recente per due ragioni principali.

Innanzitutto si tratta di un dogma di approfondimento della Rivelazione, perchè è contenuto implicitamente nella Rivelazione.

Il secondo motivo è di ordine storico. Tale dogma è stato infatti una risposta della Chiesa all’influenza di due importantissime correnti di filosofiche e di pensiero, quella illuminista e positivista, che affermavano una sorta di “immacolata concezione dell’uomo”. Nel mito del buon selvaggio, l’uomo sarebbe in natura buono ma poi verrebbe rovinato dalle strutture sociali; secondo questa visione antropologica quindi, la soluzione di ogni male non stava prima di tutto nella conversione ma solo nella teorizzazione di ideologie rivoluzionarie e utopiche atte a realizzare una sorta di “paradiso sulla terra”. Secondo il dogma dell’Immacolata Concezione se la Vergine Maria è stata concepita immacolatamente vuol dire che tutti gli altri uomini nascono macchiati dal peccato, e quindi la salvezza non ci viene dalla scienza o dal progresso, ma solo dalla grazia divina e dalla nostra adesione, in fede e opere , alla Redenzione di Cristo.

Care Unimamme vi siete convinte circa questi nomi?  Sapevate il reale significato di questo dogma e della sua recente istituzione?

(fonte: santiebeati)

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta