Allarme olio di palma: i bambini assumono +40% di acidi grassi saturi

Prosegue la battaglia contro l’olio di palma. Ne consumiamo troppo.

olio di palmaProsegue la battaglia contro l’olio di palma promossa da Il Fatto Alimentare di cui vi abbiamo parlato già tempo fa.

Magari in rete vi sarà capitato di leggere messaggi tranquillizzanti, ma il dibattito è ancora acceso e un’intervista a Marco Silano, dell’Istituto Superiore di Sanità, ribadisce la necessità di lottare per proteggere i nostri bambini.

Olio di palma: quali sono le dosi tollerabili da grandi e piccini?

Secondo l’OMS la quantità di grassi saturi nella dieta giornaliera non dovrebbe essere superiore al 10% delle calorie giornaliere totali. Secondo l’analisi dell’Istituto Superiore di Sanità i bambini da 3 a 10 anni ne assumono 28,88 g/die, ovvero tra l’11  e il 18% delle calorie totali. Quindi fino al 40% in più.

7,72 grammi derivano da alimenti con olio di palma aggiunto:

  • merendine
  • biscotti
  • grissini
  • cracker
  • fette biscottate
  • prodotti da forno

Attraverso l’olio tropicale i piccoli assumono grassi saturi la cui presenza dovrebbe essere “la più bassa possibile”.

Secondo l’esperto bisognerebbe ridurre la quantità di grassi acidi nei bambini in generale e aumentare il consumo di acidi grassi mono insaturi e polisaturi. Va moderato il consumo dei prodotti da forno dolci e dei cibi venduti nei supermercati che contengono olio di palma.

Un altro espediente potrebbe essere quello di preferire il consumo di prodotti da forno in cui sono utilizzati oli ricchi di mono e polinsaturi.

Naturalmente il discorso prevenzione riguarda anche gli adulti.

La quota dei saturi deve essere inferiore al 10% delle kcal. Secondo le stime dell’Istituto Superiore di Sanità gli adulti consumano il 24% di grassi saturi in più rispetto al dovuto.

Queste le conseguenze di una dieta a base di acidi grassi saturi:

  • la modifica del contenuto del colesterolo plasmatico
  • modifica dei trigliceridi
  • aumento del rischio di eventi cardio vascolari: ictus, infarto…

Unimamme voi eravate al corrente di queste indicazioni e della presenza dell’olio di palma nei cibi consumati dai bimbi?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta