I bambini superano i traumi attraverso il teatro

Il teatro come medicina, per aiutare i bambini ad esternare ciò che provano. Ecco dove avviene e che benefici porta.

teatro

In Francia si continua a fare i conti con l’attentato del 13 novembre 2015, e non potrebbe essere altrimenti, la paura e lo sconforto toccano  più deboli e indifesi come i bambini.

Il teatro per superare i traumi

In due scuole parigine è stato adottata un’iniziativa molto interessante: l’elaborazione dello choc attraverso delle rappresentazioni teatrali.

Nelle scuole di Rue Tourtille nel ventesimo arrondissement e quella di Avenue S. Bolivar, al diciannovesimo arrondissement, vengono spiegati i fatti che hanno portato agli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi, dove il più alto numero di vittime si è avuto nell’ormai tristemente famoso locale per concerti Bataclan, attraverso una rappresentazione teatrale.

Philippe Maymat, regista e coreografo, spiega le motivazioni di questa scelta: “Questi bambini sono il nostro futuro. Scegliamo storie tradizionali e attraverso loro cerchiamo di parlare del mondo d’oggi. È questa l’idea. Il fine di tutto ciò è instillare il senso civico nei bambini, lo stare bene insieme e tutto questo attraverso il teatro.”

Uno dei bambini, che ha partecipato alle rappresentazioni, ha spiegato che si sono seduti in cerchio e hanno parlato degli attentati che hanno sconvolto Parigi. Dopo averne parlato, alcuni piccoli si sono sentiti meglio. Tra i bambini, c’era chi si trovava nei pressi del teatro Bataclan in quei terribili istanti. Chi avendo assistito a tutta quella violenza, reale e non rappresentata in un videogame o in un film in tv, sulle strade dove vive la propria quotidianità, si è  comportato di riflesso con i propri coetanei. La maestra Johanna Jacobi ha dato una risposta a questi atteggiamenti: “Non potevano formulare con le parole quello che sentivano e lo hanno espresso con il corpo“. Alcuni dei piccoli partecipanti hanno espresso soddisfazione per l’esperimento, poiché ognuno ha potuto dire la sua in merito e confrontarsi anche con chi aveva altre opinioni. Inoltre, come ha fatto notare Maymat, si è  potuto far comprendere meglio quello che è  anccaduto in quelle ore, perché spesso dimentichiamo come i bambini confondano realtà e finzione televisiva o virtuale, rischiando di non far percepire al meglio la drammaticità di alcuni eventi di grossa portata.

Una lodevole iniziativa, che sottolinea l’importanza di non chiudere i nostri figli in una campana di vetro, quando fatti di questa portata li investono direttamente.

Cari Unigenitori siete d’accordo con questo tipo di approccio verso la realtà, per i nostri piccoli?

Firma: Davide Testa

  • Fonte:

Notizie Correlate

Commenta