Perché il cane fa “bau” e non “woof”?

I versi degli animali nel mondo svelati da James Chapman.

Vi siete mai seriamente interrogati sui versi degli animali?

Soprattutto all’inizio, quando i vostri bambini cominciano a parlare, li scopriamo affascinati a osservare figurine di cani, cavalli, galline e micetti associando a ciascuno un suono diverso.

Come fa il cagnolino?“, oppure “come fa il pulcino?” sono domande riccorrenti quando il vostro piccolo tenta di esprimersi in modo ancora incerto.

Stabilito quindi che a casa nostra il cane fa bau e la gallina coccodé, perché invece, in altre lingue, gli stessi versi sono riprodotti con “woof”  (in inglese) e “kirikiri” (in spagnolo)?

Sembra quasi che anche gli animali abbiano un linguaggio loro (e in parte è vero), che come quello umano viene diversificato nei differenti paesi di appartenenza.

Un aspetto molto buffo, se vogliamo.

Di questo si è accorto un ventiquattrenne inglese, un certo James Chapman, che ha voluto rendere attaverso dei fumetti e con un tocco di umorismo, la contraddizione insita.

Nelle sue divertenti vignette, ad esempio, vediamo cani di paesi diversi a confronto:

  • il chiwawa spagnolo fa gnau
  • un bulldog tedesco blatera bauf
  • un pechinese giapponese fa wan
  • un dalmata rumeno ham
  • un indonesiano guk.

Non va meglio tra topolini, tanto che vien da chiedersi come interagirebbero un ratto svedese e uno ungherese. Guardate qui:

  • il topo tipico svedese fa pip pip
  • il topino italiano squit
  • il topo giapponese chuu
  • il topo cinese (attenzione al dialetto mandarino) zi.

Vi stupirà poi sapere che i maiali non si limitano a grugnire, come pensiamo noi stolti umani, anche loro hanno qualcosa da dire.

  • in Albania dicono hunk
  • in tedesco grunz
  • in giapponese buu
  • in inglese oink.

Come potrete subito facilmente notare la vecchia fattoria degli animali non è niente al confronto di questa babele, tanto che sarebbe molto bello vedere riuniti tanti bimbi di paesi diversi intenti a imitare, seri seri, i versi di riferimento dei loro animali.

Ci sarebbe da ridere, non pensate anche voi? 🙂

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta