Il sesso del feto può essere influenzato dalla pressione materna

Secondo una ricerca canadese avere la pressione sanguigna più o meno alta può influenzare il concepimento di un maschietto o di una femminuccia.

Maschio o femmina? Di solito è la natura – o meglio gli spermatozoi – a determinare se si avrà un bambino o una bambina. Eppure la scienza forse dice di no: la pressione sanguigna di una donna prima di rimanere incinta potrebbe influenzare il sesso del nascita. In che modo?

La pressione sanguigna della madre determina maschio o femmina?

I ricercatori hanno scoperto che le future mamme con pressione sanguigna più bassa tenderebbero ad avere delle femmine, mentre la pressione sanguigna più alta potrebbe essere un indicatore del concepimento di un maschio. Non è chiaro se una donna possa in qualche modo influenzare il risultato aumentando o diminuendo deliberatamente la pressione sanguigna.

Uno dei ricercatori, il Dr. Ravi Retnakaran, un endocrinologo dell’ospedale di Toronto, ha detto che la loro ricerca ha suggerito che “la pressione sanguigna di una donna prima della gravidanza è un fattore precedentemente non riconosciuto, associato alla sua probabilità di avere un maschio o una femmina. Questa nuova comprensione può avere implicazioni sia per la pianificazione riproduttiva sia per la comprensione dei meccanismi fondamentali che sottendono il rapporto sessuale negli esseri umani”, ha affermato.

Gli scienziati, che hanno pubblicato un articolo sul loro lavoro nell’American Journal of Hypertension , hanno studiato un gruppo di donne di Liuyang in Cina che stavano programmando una gravidanza. La loro pressione sanguigna è stata testata prima e dopo il concepimento e sono stati presi in considerazione altri fattori, come:

  • l’età
  • se hanno fumato
  • il peso
  • il colesterolo

I ricercatori hanno detto che su 1.411 sono nati 739 maschi  e 672 femmine.

Le donne che hanno partorito delle bambine avevano una pressione sistolica media di 103,3 mmHg prima della gravidanza, mentre per le madri di maschi la cifra era 106, circa il 2,6% più alta. Questo significa che nei rapporti sessuali ci sarebbe una componente del 50% nell’intervento della determinazione del sesso, anche se nell’uomo c’è una leggera propensione per i maschi.

La scienza ha sempre cercato in realtà di capire come viene determinato il concepimento: un chirurgo francese del XVIII secolo ha suggerito agli uomini che volevano che un maschio di tagliarsi il testicolo sinistro.

Sono stati consigliati anche integratori alimentari, rimedi popolari e cristalli speciali sotto il letto.

Nel 2009, uno studio scientifico ha scoperto che essere più vicino all’equatore poteva aumentare le probabilità di avere una bambina.

Ci sarebbero poi delle posizioni che favorirebbero il concepimento di un sesso piuttosto che dell’altro, ma forse è meglio lasciar fare al destino, no?

E voi unimamme cosa ne pensate?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di come il sesso dei neonati influenzi la loro salute. 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta