Pronti per il bagnetto?

Un momento di gioia e condivisione da vivere e ricordare tra qualche inevitabile difficoltà e molte risate.

Neonato e il suo primo bagnetto

Circa quindici volte. Credo di aver visto quindici volte di seguito un video: “Come si fa il bagnetto” o qualcosa di simile. Eh ma poi…Ero più tranquilla? No, per niente!

L’ansia da primo bagnetto
Ma l’avete vista quanto è piccola? Io (proprio io!) dovrei tenere la testa della bambina, nell’acqua  Ma scherzate? Sì, c’è il papà, ok. Il papà però non somiglia ad una squadra di caschi blu con in tasca la laurea in pediatria. Direi di no.
Certo lo hanno fatto tutti, certo. Ho capito.
Ma tutte le cose che ci vengono ora semplici c’è stato un momento in cui erano complicate e anche molto complicate.
Perché nessuno se lo ricorda? Perché nessuno lo dice?
Ora che ho fatto il bagno alla mia bionda bambina_occhicerulei più e più volte sono più tranquilla ma comprendo tutta l’ansia delle neomamme.
Perché sono piccoli. Perché non siamo preparate mai abbastanza.
Perché calcolare tutti gli imprevisti è una fatica. Perché siamo mamme.
Una volta che ho preso le misure con il fasciatoio, capito come si riempie e si svuota, imparato quale debba essere la temperatura dell’acqua, preparato il cambio, l’asciugamano e cantato la canzone del bagnetto…più o meno, ci sono.
Ma sembra o no un ruolino di marcia?
Non è stato semplice. Con il papà_signorNO che sghignazzava mentre spostavo, a fatica, il fasciatoio. Per non parlare del tubo della vaschetta che puntualmente si staccava e veniva via con tutta l’acqua. C’era poi il bagnetto con coliche…ma anche quello è passato.
Ora, per merito di papa_signorNO,  il fasciatoio è andato in pensione (almeno lui..) e la vasca è la nuova frontiera di esplorazione della bimba_occhicerulei.

Cose da ricordare
A tutte le neo mamme con ansia da primo bagnetto ricordate:

  1. Non c’è niente di strano ad essere spaventate;
  2. Non a tutti i bambini piace il bagnetto;
  3. Fatevi aiutare se possibile, almeno le prime volte;
  4. Vostro figlio in accappatoio (meglio se con cappuccio) vi sembrerà bellissimo;
  5. E se per una sera non fa il bagnetto: NON ANDRETE ALL’INFERNO.

Il punto 5 l’ho dovuto ripassare più volte… per facilitarne la comprensione l’ho scritto in maiuscolo! Ultimo consiglio: se canticchiate una canzoncina mentre gli/le fate il bagnetto potrebbe essere tutto più divertente. Per tutti.
A noi ha aiutato Capossela, la sirena Pryntyl 

e cantare in sirenese…
Buon bagno mamme!
P.S. Tanto sapete già che sarete più bagnate dei bimbi alla fine ma nessuno vi asciugherà…o invece sì?!

Firma: Claudia Lauricella

Notizie Correlate

Commenta