Psicologia e neonati: cullare o non cullare i bambini? Un’esperta risponde

Una ricerca dimostra che i bambini “registrano” tutto e quindi occorre abituarli sin da piccoli a seguire un corretto iter per addormentarsi, soprattutto per evitare a noi di passare notti in bianco. Alcuni suggerimenti utili.

462868033

I vostri bambini vengono cullati prima di dormire? Ebbene sappiate che la pagherete cara! 🙂

Secondo infatti una ricerca condotta dalla professoressa Lynne Murray, che da circa 40 anni studia il comportamento dei neonati, i bimbi, anche se molto piccoli, “registrano” nel loro cervello ciò che i genitori compiono prima di metterli a letto.

Se per esempio avete l’abitudine di cullare i bambini per addormentarli, potrebbero rivolere sempre la stessa routine e piangere finché non viene realizzata.

Allo stesso modo una mamma che permette a suo figlio di sonnecchiare dopo la poppata può aspettarsi una notte in bianco.

Secondo la dottoressa Murray  – come riporta il Daily mail – i genitori dovrebbero non cercare di addormentare subito i bambini dopo per esempio che hanno mangiato, ma osservare e vedere il loro comportamento  quando si assopiscono e capire qual è il modo migliore per poterlo ripetere.

Come abbiamo detto prima i bambini sono abitudinari, quindi ok a pupazzetti e orsacchiotti per far loro compagnia, anche se la maniera migliore è quella ad esempio di leggere loro una storia, che serve sia ad aumentarne il quoziente intellettivo e aiuta i bambini nei primi due anni di vita a sviluppare la socialità.

E voi unimamme cosa fate per far addormentare i vostri figli?

Conoscete gli errori più comuni nel metterli a letto?

Raccontateci la vostra esperienza se vi va!

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta