L’ordine di nascita conta per trovare l’anima gemella, secondo la scienza

Una ricerca condotta su un sito di incontri online ha fornito risultati sorprendenti legati alle teorie sull’ordine di nascita.

uomo al pc

Care unimamme torniamo a parlare dell’ordine di nascita in famiglia e come questo questo influisca non solo sulla personalità, ma sulla possibilità di trovare l’amore.

Ordine di nascita e anima gemella: ecco come funziona

I risultati dello studio, che ha analizzato 7,6 milioni di utenti di Plenty of Fish, piattaforma di incontri online, sono infatti i seguenti:

  • i figli di mezzo sono meno propensi ad avere una relazione
  • i figli più grandi sono più inclini a trovare la fidanzata online, addirittura il 10% più probabile se ci sono 4 figli
  • i più piccoli hanno meno possibilità di finire in una relazione solida.

grafico

 

Se però la famiglia aumenta, arrivando a 5 fratelli:

  • il maggiore ha il 4,4% di chance di trovare l’amore online
  •  la percentuale del più giovane è di 5,5%

Inoltre, mentre i più anziani cercano la stabilità, i minori cercano solo una relazione.

L’esperta di sesso Tracey Cox è convinta però che non bisogna condurre un’esistenza dominata dallo spettro dell’ordine di nascita e analizza i risultati ottenuti dall’indagine.

Ad esempio è sorprendente che sia il più piccolo della famiglia, quello dotato di maggiori abilità sociali ed è molto popolare, ad avere più difficoltà a trovare l’anima gemella online.

Invece è più scontato che il primogenito abbia successo, visto che fin dall’infanzia è abituato ad assumere una posizione di leadership. Questo inoltre li rende dei buoni comunicatori, un vantaggio quando devi farti conoscere tramite un profilo scritto.

E per quanto riguarda i figli mezzani?

Loro hanno sviluppato un maggior senso di indipendenza e il desiderio di rompere con ciò che è conforme alla norma. Tutto questo si riflette nel fatto di aver meno voglia di avere un rapporto solido e un percorso di vita tradizionale.

E voi unimamme corrisponde a quanto stanno sperimentando i vostri figli?

Raccontateci la vostra esperienza se vi va.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta