Come influisce la figura paterna nella scelta delle relazioni delle figlie?

Il rapporto tra padre e figlia influenza la vita sentimentale di quest’ultima nella scelta del partner. Un esperto ha individuato 4 diverse tipologie di papà e altrettante situazioni. E voi a quale appartenete?

donna tra le braccia uomo

Cari unigenitori, ormai sappiamo che il rapporto padre figlia è profondo e articolato tanto quanto quello con la mamma e che proprio i nostri amati “babbi”, con il loro esempio, possono influenzare positivamente le generazioni future.

Rapporto tra padre e figlia

Secondo una ricerca se i padri aiutano coi lavori domestici forse le loro figlie aspireranno a un futuro migliore.

Senza scomodare troppo la psicologia il padre, volente o nolente, riveste un ruolo fondamentale nelle scelte sentimentali che ognuna di noi compie nel corso della sua vita.

Si tratta infatti della prima figura maschile con cui confrontarsi e, secondo alcune correnti di pensiero, rappresenta il tipo di uomo che si sceglierà come compagno.

Se, ad esempio, si ha avuto un padre che ci ha trattate con gentilezza ed affetto, la nostra autostima ne uscirà fortificata e non la si cercherà nei partner sbagliati.

La Dott.sa Linda Nielsen, psicologa della Wake Forest Univeristy in North Carolina dichiara infatti su La Repubblica: “quando le donne non crescono stimate ed amate dai loro padri, diventano affamate d’amore. E in genere fanno scelte sbagliate. Chi ha avuto un papà freddo e distante, sa relazionarsi agli uomini solo in questo modo. Per questo finisce per stare con uomini glaciali e scostanti, perché è abituata a questo modello maschile“.

Addirittura, come ci segnala il professor Fabrizio Quattrini, psicoterapeuta e presidente dell’Istituto italiano di sessuologia scientifica esistono diverse tipologie di paterne cui aspirare.

Mamma e papà influenzano le nostre relazioni sentimentali future?

Premettendo che le relazioni sentimentali sono l’espressione di una combinazione di esperienze diverse e delle caratteristiche della personalità di ciascuno, anche le esperienze infantili, diventati adulti, contribuiranno a proiettare aspettative ed emozioni sul partner. Alcune cercheranno sempre un compagno simile al padre, altre invece il contrario. La madre solitamente ha la funzione di filtro con un grande potere:

  1. valorizzare la figura paterna
  2. sminuire la figura paterna

Le 4 tipologie di padre

1) Autoritario: una donna di nome Giulia racconta che il padre pensava solo al dovere e non mancava di sgridarla per ogni minima cosa, così, la sua vita adulta è stata dedita alla ricerca di qualcuno che apparentemente, fosse l’opposto del padre, finendo però dentro a relazioni in cui il suo compagno la dominava.

  • secondo l’esperto: il padre padrone, con la sua autorità, impedisce la libera espressione
  • l’uomo da cercare: si dovrebbe aspirare a un uomo che ami il dialogo, che ascolti e non giudichi, creando un rapporto paritario, qualcuno che sia aperto al confronto

2) Amicone: una donna di nome Viola racconta di un padre che preferiva non imporsi, senza prendere decisioni e che diceva sempre sì quando la madre diceva no. Questo l’ha portata tra le braccia di uomini spensierati e leggeri, ma la vera felicità è arrivata con un uomo sicuro di sé.

  • secondo l’esperto: da piccoli è molto bello avere accanto un papà Peter Pan sempre allegro e spensierato, il guaio è che il suo comportamento può portare a comportamenti superficiali e infantili
  • l’uomo da cercare: la scelta dovrebbe andare verso qualcuno di concreto e pratico, che sappia prendersi le proprie responsabilità. Anche un uomo ironico e un po’ più leggero va bene a patto di non fargli da mamma

3) Il disinteressato: Carmen narra di un padre che, pur dandole ciò che voleva, non l’ha mai veramente sostenuta o si è interessato a lei. Ora riconosce che aveva qualche problema di comunicazione emotiva.

  • secondo l’esperto: un padre di questo genere trasmette alla figlia l’idea che nessuno mai potrà capirla, creandole rabbia e insicurezze
  • l’uomo da cercare: evitare di perseguire uomini egocentrici e poco affidabili e invece cercare persone empatiche

4) Inimitabile: Carla ha il mito del padre, un uomo affidabile che l’ha sostenuto e si è sempre dimostrato affettuoso con la madre. Lei finora è stata attratta solo da uomini inconcludenti perché tacitamente voleva che fallissero per dimostrare che il padre tanto amato era il migliore.

  • secondo l’esperto: forse è il padre ideale, una persona capace di crescere una figlia con stima di sé e sicura delle proprie possibilità, capace di relazionarsi con serenità verso gli uomini
  • l’uomo da cercare: oltre a dimostrare di essere davvero interessato alla sua donna, quest’uomo deve farla sentire sensuale e desiderata. Un’impresa non da poco.

 

Noi di Universomamma confidiamo che questi suggerimenti possano aiutarci a riflettere con più consapevolezza sulle passate o attuali relazioni sentimentali. Ed anche sull’importanza del ruolo del padre, quindi unimamme, perché non farglieli leggere?

Noi vi lasciamo con 10 consigli per diventare genitori migliori.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta